Ecco com’è Android Pie su Samsung Galaxy S9+ (foto)

Nicola Ligas -

XDA Developers è venuto in possesso di una build di test con Android Pie per Galaxy S9+, consentendoci così non solo di dare un primo sguardo al nuovo firmware, ma anche di poterlo installare manualmente. Secondo fonti anonime di SamMobile inoltre, Samsung starebbe testando l’aggiornamento a Pie in tutti i mercati dove Galaxy S9 è in vendita, lasciandoci sperare in un update veloce e ben diffuso.

Le novità contenute nell’aggiornamento a Pie sembrano davvero essere numerose, tanto che preferiamo elencarle punto punto, per renderle più evidenti. Non è per altro detto che l’elenco sia esaustivo, quindi al momento del lancio ufficiale potrebbero esserci ancora ulteriori funzioni.

  • Tema scuro AMOLED (che però non funziona)
  • Notifiche con angoli stondati
  • Supporto per il notch (paradossale, visto che Samsung è tra i pochissimi a non avere nemmeno uno smartphone con la tacca)
  • Quick Setting ridisegnati (per la centesima volta)
  • Lock screen ridisegnato
  • Impostazioni (indovinate?) ridisegnate con card stondate
  • Schermata app recenti in stile Android Pie
  • Lift to wake: risveglia il telefono sollevandolo da un tavolo
  • Nuove gesture di navigazione, ma non quelle di Google. In pratica, nascondendo la NAvBar ed effettuando uno swipe in corrispondenza di uno dei tre pulsanti nascosti, otterrete lo stesso effetto. Anche la NavBar è stata ridisegnata.
  • Aggiornate le app telefono, messaggi, mail, galleria, archivio, internet e la fotocamera (che guadagna un’opzione per il macro)
  • Nuova interfaccia per Bixby Home

La maggior parte di queste novità sono illustrate nell’ampia galleria qui sotto. Se per qualche strana ragione aveste però un Galaxy S9+ con processore Snapdragon (ovvero quello venduto fuori dall’Europa) e voleste toccarle con mano queste novità, potete installare il firmware in questione (a vostro rischio e pericolo). Lo potete scaricare da questo link (quasi 2 GB) ed installarlo seguendo questa nostra guida all’utilizzo di Odin in italiano; in alternativa c’è anche quella realizzata da XDA, cui vanno tutti i crediti per averci procurato il firmware.

Aggiornamento

Articolo corretto per rispecchiare il fatto che la build disponibile è solo per processori Snapdragon.

Fonte: XDA