Allo smartphone pieghevole di Samsung mancherà una cosa che hanno tutti i top di gamma (ma è abbastanza facile capire qual è)

Matteo Bottin

Che si chiami Galaxy X o Galaxy F, lo smartphone pieghevole di Samsung è un dispositivo che stiamo aspettando da anni, e pare che il 2019 sia l’anno giusto per averlo finalmente disponibile. Secondo un recente report, però, dovrà fare a meno di un componente che ormai hanno tutti i top di gamma odierni: il Gorilla Glass.

La limitazione è dovuta solamente a questioni di tecnologia dei materiali: il vetro non è un materiale plastico, e dunque, se sottoposto a deformazione, si rompe. Vetro e “pieghevole” non vanno dunque d’accordo. Corning dovrebbe aver sviluppato anche una versione “flessibile” del suo vetro, ma a quanto pare non ha colpito l’azienda.

Per questo motivo Samsung avrebbe preferito fare a meno di questo componente ed utilizzare invece il poliimmide di Sumitomo Chemical, un’azienda giapponese. Questo renderebbe lo smartphone meno “durevole” ma permetterebbe a Galaxy X di mantenere il suo form factor flessibile.

LEGGI ANCHE: Aumenta l’attesa per lo smartphone pieghevole di Samsung, ma se lo avessimo già avuto sotto il naso 5 anni fa?

Vedremo dunque i risultato solo l’anno prossimo (si spera). Cosa ne pensate? Avreste preferito una piegatura solo parziale del dispositivo pur mantenendo il Gorilla Glass o una totale flessibilità data dal polimero di Sumitomo?

Via: Sammobile