Ecco com’è dal vivo la prossima versione di Wear OS: Assistant, Fit e notifiche al centro dell’esperienza (foto)

Nicola Ligas

Con il lancio della piattaforma Snapdragon Wear 3100 gli smartwatch Android si preparano a conoscere una seconda giovinezza, e questo vuol dire anche un rinnovamento di Wear OS, già anticipato da Google a fine agosto.

Abbiamo quindi il feed di Google Assistant sempre accessibile con uno swipe dalla sinistra, proprio come su smartphone, anche se non si tratta di notizie quanto di informazioni personalizzate per l’utente (meteo, appuntamenti, eventuali biglietti aerei/alberghieri, ecc.).

A destra della watch face troviamo invece Google Fit, nella sua versione recentemente rinnovata con minuti di movimento e punti cardio. Da questa schermata è anche possibile avviare un allenamento rapido, in modo da aiutare il corretto calcolo del nostro movimento.

LEGGI ANCHE: Tutto su Huawei Mate 20 Pro

Con uno swipe down avremo invece accesso ai quick setting, adesso più numerosi, e disposti su due righe con 3 elementi ciascuna: modalità aereo, vibrazione del telefono, risparmio energetico, Google Pay (se supportato), non disturbare e la modalità cinema. Subito sotto troviamo eventuali controlli audio per la musica in riproduzione. Ci piace avere tutto a portata di mano, ma così a prima vista ci sembra tutto un po’ appiccicaticcio, e soprattutto, a livello grafico, poco accattivante.

Infine le notifiche, accessibili invece con uno swipe dal basso verso l’alto. Si tratta di un elenco, che visualizza 1-2 notifiche alla volta, a seconda del contenuto, e con le quali potrete interagire con un tap per aprirle, o con uno swipe per scartarle, ed in fondo all’elenco c’è anche il pulsante per cancellarle tutte.

Vi ricordiamo che questa nuova versione di Wear OS dovrebbe essere rilasciata sugli smartwatch supportati già da questo mese, ma è chiaramente stata pensata per l’ondata di nuovi modelli che dovrebbero arrivare a breve, proprio con la nuova piattaforma Snapdragon Wear 3100.

Fonte: 9to5Google