Fossil è sempre più sinonimo di smartwatch per tutti i gusti: ecco gli ultimi modelli a IFA 2018 (foto e video)

Nicola Ligas

Skagen, Michael Kors, Armani, Diesel. Sono tanti i brand sotto l’ombrello Fossil, e sono tanti gli smartwatch con Android Wear Wear OS che li rappresentano. L’azienda si è evoluta nel corso del tempo, ed ha adottato un po’ tutte le tecnologie che ci sono sul mercato: dal lettore di battito cardiaco, all’impermeabilità, passando per un sistema sempre aggiornato, che può contare su Google Assistant e (dove disponibile) di Google Pay, che tra l’altro dovrebbe essere sempre più vicino al lancio in Italia (ma questo è un altro discorso).

Tutti i modelli che abbiamo visto sono ancora basati su Snapdragon Wear 2100, ed è normale, dato che Qualcomm deve ancora rinnovare la propria piattaforma mobile, ma ormai dovrebbe mancare poco anche a quel momento.

Nell’attesa, se cercate uno smartwatch Wear OS, nessuno ha un catalogo più ampio di Fossil. Ci sono orologi per lui, per lei, ed anche unisex. Con cinturini in silicone, in metallo o in pelle. Con casse da 40 a 47 millimetri, più o meno agghindate di brillantini o metallo, a seconda che vogliate un orologio più brillante o più “mascolino”. È insomma una questione di estetica, più che di software o di hardware, perché quelli sono bene o male sempre gli stessi, ad eccezione delle watch face personalizzate per ogni brand. I prezzi? Dipende, ma non aspettatevi di scendere sotto i 270€ per gli ultimi modelli, e se volete spendere potreste anche superare i 400 euro. Menzione d’onore per il nuovo Skagen Falster 2, uno degli unisex che più ci hanno convinto, con cassa relativamente piccola, e cinturino in maglia metallica con aggancio magnetico: bello e funzionale.

ifa