Galaxy Note 9 sopravvive alla grande ai test di resistenza, tranne laddove non avreste mai pensato (video)

Nicola Ligas -

Galaxy Note 9 è stato prontamente messo alla prova dal noto youtuber Zack del canale YerryRigEverything, che lo ha sottoposto a vari test di resistenza. Il top di gamma Samsung si comporta davvero molto bene, come facilmente prevedibile, ma c’è una novità che non ci aspettavamo.

Lo scratch test è ormai noioso: tutti gli smartphone (o quasi) impiegano un Gorilla Glass, e tutti si graffiano a partire dal livello 6 della scala di Mohs. Rimanendo sulla parte frontale, punti bonus per la capsula auricolare, la cui griglia è in metallo, e non viene via nemmeno cercando di strapparla. La stessa cosa però non la si può dire dei pulsanti laterali. Inaspettatamente, questi ultimi sono infatti removibili. Parliamo di tutti i tasti, incluso il bilanciere del volume ed il pulsante per Bixby, oltre a quello per l’accensione. Non è banale rimuoverli, di certo non verranno via per sbaglio, ma non è nemmeno impossibile: basta un comune taglierino.

A quanto pare è la prima volta che succede, almeno secondo Zack, ma non ci siamo messi a verificare se sia vero provando a rimuovere i pulsanti di un vecchio smartphone Samsung. Attenzione quindi agli “amici burloni”, perché adesso che lo sapranno qualcuno di loro potrebbe tentare uno scherzo (non molto divertente) al vostro nuovo Note 9. E con quello che costa…

Riguardo il resto dei materiali non c’è molto da aggiungere: vetro ovunque tranne che nel profilo, interamente metallico. C’è un’eccezione: il lettore di impronte digitali posteriore, rivestito in materiale plastico, che si graffia facilmente con il solito taglierino, ma che comunque continua a funzionare anche dopo essere stato sfregiato.

Il test di resistenza si conclude poi ottimamente, con burn test che non lascia segni permanenti (a parte la rimozione del rivestimento oleofobico a causa del calore), e bend test che testimonia la robustezza di Note 9.

Nota a parte per la S Pen, interamente in plastica, quindi fate attenzione. La scena in cui la penna viene spezzata in due è per solo per i palati forti, ma almeno così avrete modo di osservare il supercapacitore al suo interno, dove viene immagazzinata la (poca) carica a sua disposizione.

Nel complesso insomma è un telefono molto ben costruito, con però una piccola “sorpresa” (probabilmente non involontaria) sui tasti laterali. Guardate comunque tutto il test nel video seguente, inclusa una bella frecciatina ad Apple che non vi sveliamo.

Samsung Galaxy Note 9 (8 GB)

Samsung Galaxy Note 9 (8 GB)

confronta modello