Aggiornate i vostri backup di WhatsApp entro il 12 novembre, o li perderete!

Nicola Ligas - La buona notizia è che da quella data in poi non incideranno più sul vostro di spazio di archiviazione su Google Drive

I backup di WhatsApp non incideranno più sullo spazio di archiviazione di Google Drive, a partire dal prossimo 12 novembre. Grazie ad un accordo appena raggiunto tra le due aziende, potrete insomma salvare senza remore le vostre chat (incluse foto, video e altri contenuti), senza timore di incidere troppo sullo spazio disponibile nel vostro Drive.

Attenzione però ad una cosa: se non aggiornerete il vostro backup per più di un anno, questo verrà rimosso automaticamente da Google Drive. Inoltre, per evitare la possibile perdita di dati una volta che questo cambiamento verrà messo in atto, è consigliato eseguire un backup manualmente prima del 12 novembre 2018. Ecco infatti cosa si legge nell’email che Google sta inviando ai suoi utenti, con oggetto “Cambiamento che interessa i backup di WhatsApp su Google Drive“.

A seguito di nuovi accordi tra WhatsApp e Google, i backup di WhatsApp non incideranno più sulla quota di spazio di archiviazione di Google Drive. Tuttavia, gli eventuali backup di WhatsApp che non vengono aggiornati da più di un anno verranno rimossi automaticamente dallo spazio di archiviazione.

Queste norme avranno effetto su tutti i gli utenti a partire dal 12 novembre 2018, ma alcuni utenti potrebbero notare degli effetti positivi sulla loro quota già prima di questa data. Per evitare la perdita di backup, consigliamo di eseguire un backup di WhatsApp manualmente prima del 12 novembre 2018.

Come controllare lo spazio di archiviazione su Google Drive

La dimensione occupata dal backup di WhatsApp è estremamente variabile, in particolare a seconda di quante foto e (soprattutto) video avete salvato. Possono essere poche decine di megabyte, ma non è escluso che possiate superare anche i gigabyte; ed ovviamente c’è una bella differenza tra i due casi.

Su Google Drive, nel menu sulla sinistra, c’è la voce Copie di backup, che vi mostrerà uno specchietto di tutti i backup attivi su Drive (non solo di WhatsApp, ma anche di altre app/servizi). Purtroppo da qui non è possibile vedere le dimensioni occupate da ciascuna di queste copie di backup (ma lo potete fare dalle rispettive app – vedi sotto). Potete però consultare com’è ripartito lo spazio di archiviazione del vostro Google Drive, ed eventualmente acquistarne di ulteriore, da questa pagina.

Come eseguire il backup di WhatsApp su Drive

Effettuare un backup di WhatsApp è molto semplice. Premete sui tre puntini in alto a destra nella home dell’app, e selezionate Impostazioni e poi Chat. Troverete la voce Backup delle chat a metà pagina. Premeteci sopra ed avrete un quadro completo della vostra situazione. In alto sono indicate due date: quella dell’ultimo backup locale (quello memorizzato sul vostro dispositivo) e quella dell’ultimo backup su Google Drive (non è affatto detto che le due coincidano). Subito sotto è indicata la dimensione del backup, ovvero la quota di spazio di Google Drive occupata, se doveste effettuare un backup adesso.

Al centro della pagina, ben evidente, c’è il pulsante Esegui Backup, che farà esattamente ciò che dice, salvando una copia locale ed una su Drive delle vostre chat. In fondo alla pagina è presente un’opzione per includere o meno anche i video (le foto sono sempre presenti) nel backup: premendoci sopra vi verrà indicato l’ammontare di dati occupato dai soli video.

Nel mezzo si trovano però altre opzioni interessanti. Anzitutto quella per decidere quando effettuare automaticamente il backup (ogni giorno, settimana, mese), e poi quella per decidere se effettuarlo tramite Wi-Fi o anche su rete mobile (a seconda delle dimensioni del backup stesso, potrebbe incidere pesantemente sul vostro piano dati).

Attenzione ad un aspetto importante. Il backup automatico avviene di notte. WhatsApp non specifica l’orario preciso, ma solitamente parliamo di notte fonda, intorno alle 3 del mattino. Il problema è che spesso in questo orario molti utenti hanno lo smartphone spento o in modalità aereo, e pertanto il backup automatico potrebbe non avvenire per questi motivi.

Controllate quindi ogni tanto manualmente la situazione, per evitare di stare mesi e mesi senza un backup su Drive, dato che dopo un anno i salvataggi memorizzati sul servizio di Google verranno cancellati.

Ringraziamo Vittorio per la segnalazione.