Il nuovo SoC della gamma Huawei Mate 20 ha tutte le carte in regola per essere al top (aggiornato)

Vezio Ceniccola -

L’arrivo della nuova gamma Huawei Mate 20 corrisponderà quasi certamente col debutto del nuovo SoC realizzato dall’azienda cinese, che dovrebbe prendere il nome di HiSilicon Kirin 980. Nelle scorse settimane abbiamo avuto modo più volte di saggiare la sua potenza e le sue capacità tecniche, ma grazie alle ultime informazioni trapelate solo in queste ore possiamo avere un quadro più chiaro di cosa ci attende.

Il nuovo Kirin 980 dovrebbe essere realizzato da TSMC con processo produttivo a 7 nm, e sarà uno dei primi chip al mondo a poter vantare questa particolare tecnologia di produzione. Al suo interno ci saranno una CPU octa-core, che racchiude 4 core ARM Cortex A77 (con clock fino a 2,8 GHz) e 4 core ARM Cortex A55, affiancata ad una GPU Mali-G72 MP24, molto più prestanti della precedente generazione.

La tecnologia supportata per le memorie RAM è LPDDR4X, una delle più prestanti allo stato attuale, ma non manca il supporto ad NPU ed ISP di nuova generazione, che dovrebbero assicurare maggiori prestazioni per l’intelligenza artificiale e la qualità fotografica.

LEGGI ANCHE: Motorola P30 potrebbe essere l’iPhone X di Motorola

La presentazione ufficiale del nuovo SoC Kirin 980 è fissata per il prossimo 30 agosto, mentre bisognerà attendere qualche mese in più per vedere l’arrivo dei nuovi Mate 20. Di certo, sin da ora Huawei sta facendo capire che le prestazioni dovrebbero essere al top, anche se sarà necessaria la prova su strada per poterlo confermare.

Aggiornamento14-08-2018 ore 11:45

Dopo aver letto le informazioni provenienti dai rumor cinesi, il noto leaker Roland Quandt ha voluto frenare gli entusiasmi, mostrando il suo scetticismo a riguardo di tali dati. Secondo lui, non esiste alcun ARM Cortex A77, dunque è impossibile che tale tipo di core possa essere utilizzato sul nuovo Kirin 980.

Più concretamente, il leaker crede che i 4 core più prestanti del nuovo SoC possano essere basati sull’architettura Cortex A75, anche se al momento non ci sono conferme evidenti nemmeno di questi dati. Come già detto, insomma, dovremo attendere ancora qualche settimana per conoscere la verità sul Kirin 980, visto che al momento i rumor non concordano e potrebbero esserci ulteriori sorprese anche da parte di ARM.

Via: GSMArenaFonte: GlobeMobiles