Huawei Mate 20 Pro potrebbe avere il sensore d’impronte supersonico ed un vantaggio sui suoi rivali

Vincenzo Ronca

Proprio ieri vi abbiamo mostrato la prima presunta immagine di Huawei Mate 20 Pro, ed oggi torniamo a parlare della prossima gamma di smartphone che presenterà l’azienda cinese perché sono emersi importanti dettagli su alcune componenti hardware dei device.

Stando a quanto riportato da alcune fonti cinesi, Huawei potrebbe tornare a collaborare con Qualcomm nello sviluppo dei prossimi Mate 20, integrando l’innovativo sensore per le impronte digitali dell’azienda americana direttamente sotto al display.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi A2, la recensione

L’innovatività del sensore risiede nel principio fisico sul quale si basa il riconoscimento del dato biometrico: con questa nuova tecnologia si ottiene un riconoscimento più accurato con uno spessore del display anche quattro volte superiore rispetto a quanto avviene adesso con gli attuali sensori, come quello integrato in Huawei Mate RS Porsche Design.

Huawei potrebbe integrare questa nuova generazione di sensore per le impronte sotto al display nel prossimo Mate 20 Pro, ed usare la tipologia “classica” sul futuro Mate 20. Ancor più interessante la clausola di esclusività che Huawei avrebbe inserito nell’accordo con Qualcomm, per la quale l’azienda cinese sarebbe l’unica a poter usare il riconoscimento delle impronte supersonico fino a febbraio 2019.

Inoltre, le ultime informazioni emerse indicano l’integrazione del riconoscimento facciale 3D su tutti i dispositivi della gamma Mate 20, la quale contribuirà ad alzarne i prezzi.

Via: Gizmochina