DxOMark premia i passi in avanti di OnePlus 6, ma la strada verso il Gotha è ancora lunga ed impervia

Edoardo Carlo Ceretti

Il giorno del temuto giudizio di DxOMark è arrivato anche per OnePlus 6, il più serio candidato alla palma di miglior smartphone per rapporto qualità prezzo del 2018. Se per quanto riguarda prestazioni ed esperienza d’uso gli smartphone firmati OnePlus da anni hanno ben poco da invidiare alla concorrenza più costosa e blasonata, sul comparto fotografico la rincorsa è ancora in atto. Come se la sarà cavata quest’anno?

Partiamo subito dal punteggio complessivo, che è poi ciò che più sta a cuore ad attuali e futuri possessori di OnePlus 6: lo smartphone ha totalizzato 96 punti, chiudendo all’ultimo posto la top 10 di DxOMark, dietro a mostri sacri come Huawei P20 Pro, Galaxy S9+, Pixel 2 XL e iPhone X, ma inseguendo anche modelli alla sua portata, come Xiaomi Mi8 e Mi MIX 2S. Siamo dunque di fronte ad un fallimento?

LEGGI ANCHE: OnePlus 6, la recensione

Sarebbe ingeneroso considerare tale il risultato conseguito, dal momento che OnePlus non ha mai posto particolarmente l’accento sulle qualità fotografiche del nuovo smartphone, probabilmente riservandosi miglioramenti più netti nel prossimo futuro. Miglioramenti che sono stati comunque tangibili rispetto ai predecessori, come testimoniato dai 100 punti totalizzati nello scatto delle fotografie, grazie ad un eccellente autofocus e un ottimo bilanciamento di colori ed esposizione.

Da rivedere invece la registrazione video, che totalizza soltanto 87 punti e che soffre di vistose riduzioni di dettaglio e incoerenze di nitidezza. Nel complesso, il comparto fotografico di OnePlus 6 è comunque fra i migliori sul mercato, assumendo contorni ancora più encomiabili se si considera il divario di prezzo di listino che lo separa dalla maggior parte dei concorrenti in classifica. Trovate maggiori dettagli sull’analisi effettuata da DxOMark in questa pagina.

Fonte: DxOMark
DxOMark