Honor Play ufficiale: il primo smartphone col turbo alla GPU! (In arrivo via OTA per Honor 10, V10, 7X e 9 Lite)

Nicola Ligas -

Honor Play è stato appena annunciato in Cina e così finalmente sappiamo qual è la tecnologia rivoluzionaria che lo accompagna. Parliamo nello specifico di GPU Turbo, una combinazione di hardware e software, che aumenta le performance del 60% riducendo al contempo il consumo del SoC del 30%. Ma vediamo intanto di che pasta è fatto questo Honor Play.

Honor Play: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,3” full HD+ (1.080 x 2.340 pixel, 19,5:9), 85% NTSC color gamut
  • CPU: Kirin 970 con GPU Mali-G72 MP12 e GPU Turbo
  • RAM: 4 / 6 GB RAM
  • Memoria interna: 64 GB espandibile (con microSD fino a 256 GB)
  • Fotocamera posteriore: 16 megapixel, f/2.2, PDAF, CAF + 2 megapixel f/2.4
  • Fotocamera frontale: 16 megapixel, f/2.0
  • Connettività: hybrid dual nano SIM, dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11ac (2,4/5 GHz), Bluetooth 4.2 LE, GPS, NFC, USB Type-C
  • Dimensioni: 157,91 × 74,27 × 7,84 mm
  • Peso: 176 grammi
  • Batteria: 3.750 mAh con fast charging
  • OS: Android 8.1 Oreo con EMUI 8.2

Honor Play è quindi il “tipico” top di gamma Honor/Huawei, ovvero con il collaudatissimo SoC Kirin 970, dotato di NPU per il calcolo neurale. In più c’è però GPU Turbo, che ricostruisce dalle fondamenta il tradizionale modo di elaborare la grafica, promettendo “l’impossibile”, cioè maggiore efficienza nell’elaborazione grafica con minori consumi

Non sembra inoltre che ci sia bisogno di un hardware troppo particolare per il funzionamento di GPU Turbo, tranne forse un moderno SoC Kirin, tanto che l’azienda ha già promesso aggiornamenti a livello globale per Honor 10, Honor View 10, Honor 9 Lite ed Honor 7X (e non è detto che l’elenco si concluda qui), proprio per implementare questa stessa funzione. GPU Turbo diventerà insomma un punto di forza degli smartphone Honor da qui in poi, ed in futuro supporterà anche realtà aumentata e virtuale.

LEGGI ANCHE: Tutto su OnePlus 6

Inoltre, Honor Play vanta una “4D gaming experience” con riconoscimento in tempo reale della scena di gioco e conseguente vibrazione del telefono in accordo al gameplay, per un’esperienza più coinvolgente.

Honor Play non trascura comunque cose più “tradizionali”, come il riconoscimento delle scene via AI nella fotocamera, che vanta di poterne distinguere fino a 500 diverse. Le dual-camera posteriori sfruttano inoltre una tecnica di pixel binning per combinare quattro pixel in uno, per migliorare gli scatti con poca luce, a scapito della risoluzione.

Uscita e Prezzo

Honor Play sarà disponibile in Cina dall’11 giugno nei colori nero, blu, e violetto (in futuro anche rosso), al prezzo di 1.999 yuan (circa 265€) per il modello da 4 GB e 2.399 yuan (circa 320€) per quello da 64 GB. Nessuna conferma per il lancio internazionale, sul quale dovremo per forza di cose tornare in seguito. Inutile dire però che seguiremo con molto interesse l’evolversi della vicenda, soprattutto in merito al rollout di GPU Turbo.

Immagini Honor Play

Via: Fonearena (1), (2)Fonte: Vmall (cinese)