Il Play Store ha in cantiere una nuova interfaccia tutta bianca e degli avvertimenti per le app “simili” (foto)

Vincenzo Ronca

Google Play Store si è recentemente aggiornato alla versione 9.7 e, sebbene le novità rilevanti sia pressoché nulle, quest’ultima release dell’app include nel suo codice alcuni suggerimenti per un paio di funzionalità che probabilmente verranno introdotte nei prossimi aggiornamenti.

La prima di queste novità, come possiamo vedere anche dalle immagini in galleria, riguarda un rinnovamento dell’interfaccia dello store per le app di Google: in particolare, il maggiore cambiamento dovrebbe investire la colorazione della UI, per la quale dovrebbe prevalere maggiormente il bianco rispetto alla versione precedente. Inoltre, vediamo come potrebbero subire un cambiamento di disposizione le varie sezioni all’interno del menù laterale e la categoria “Home” potrebbe essere rimossa dalla barra superiore delle categorie.

LEGGI ANCHE: Galaxy S9+ vs iPhone X, il confronto

Nella quarta immagine in galleria potete osservare una potenziale novità per la sezione “altre info” relativa alla pagina specifica delle singole app, la quale potrebbe integrare una nuova barra superiore contenente il nome dell’app e l’icona alla quale si riferisce e due sotto sezioni dedicate alle novità introdotte recentemente ed alla descrizione dell’app stessa.

Infine, un’ulteriore novità potrebbe essere all’orizzonte per i suggerimenti delle app simili: come è accaduto per le versioni “Lite” e “Go”, potrebbero essere integrati, nella pagina relativa ad una specifica app, dei badge per suggerire che è presente o si ha già installato un’app simile a quella che si sta visualizzando.

L’aggiornamento del Play Store è in fase di distribuzione via server, nelle prossime ore o giorni dovrebbe arrivare automaticamente. Come di consueto, ribadiamo che le informazioni riportate sono state estrapolate dall’analisi del file apk relativo all’ultima versione dell’app: pertanto non sappiamo se e quando verranno implementate pubblicamente per tutti.

Via: 9to5google