Il pesce d’aprile (ritardato) di LineageOS è stato davvero indigesto (aggiornato: scuse ufficiali)

Vezio Ceniccola -

L’ultimo Changelog di LineageOS, arrivato non a caso lo scorso 1° aprile, annunciava trionfalmente l’adozione della nuova criptovaluta LOSCoin. Si è trattato di uno scherzo, un pesce d’aprile tutto sommato divertente, ma che è poi proseguito anche nei giorni successivi, facendo preoccupare qualche utente.

Alcuni dei modder che hanno installato le ultime build pubblicate da LineageOS si sono, infatti, trovati un avviso “Validation error” sul proprio dispositivo. Il messaggio affermava che, a causa del fallimento della non meglio specificata verifica, sullo smartphone sarebbe iniziato il mining proprio di LOSCoin.

Una burla evidente, che ha però messo in allerta coloro che non seguono da vicino le vicende di LineageOS e non erano a conoscenza dell’annuncio. Anche perché i messaggi sono comparsi anche nei giorni successivi al 1° aprile, quando ormai i pensieri relativi agli scherzi erano ormai stati messi da parte.

LEGGI ANCHE: LineageOS lancia un nuovo SDK

C’è da dire che gli sviluppatori si sono impegnati non poco per rendere tutto più credibile. Con le ultime build, infatti, è stata installata anche una nuova app wallet che permette di inviare e ricevere LOSCoin, e che segnala al suo interno un ammontare di ben 2.000 unità della criptovaluta burla. Tanti? Pochi? Nessuno lo può dire, anche perché non se ne conosce il valore.

Quello che è certo è che lo scherzo di LineageOS non è piaciuto a tutti, soprattutto a quelli che se ne sono accorti in ritardo. Se anche voi siete stati vittime di questa burla, ora rilassatevi e state tranquilli: il vostro dispositivo non sta minando LOSCoin, ma ha solo un senso dell’umorismo un po’ particolare.

Aggiornamento10/04/2018 ore 10:30

LineageOS si scusa per il pesce d’aprile finito male. A quanto pare gli utenti del celebre firmware custom non hanno preso affatto bene lo scherzo, e l’hanno trovato non solo poco divertente, ma anche come una perdita di fiducia nei confronti degli sviluppatori.

Via: Android Police