Il nuovo standard per le foto in Android P potrebbe non essere supportato dai device di fascia bassa

Vincenzo Ronca

Probabilmente avrete già sentito parlare del nuovo standard fotografico denominato HEIF (High Efficiency Image Format), già integrato da Apple in iOS 11, il quale permette di dimezzare lo spazio occupato dai file fotografici rispetto al classico formato JPEG.

Questo nuovo formato deriva dallo sviluppo della tecnologia di video coding chiamata HEVC (conosciuto anche come H.265): quest’ultima è in grado di comprimere anche le immagini che termineranno con l’estensione HEIC invece che HEIF come accade per il primo standard. Sappiamo che Android P supporterà questi due nuovi standard e potete immaginare i grossi benefici che ne deriveranno soprattutto per la memoria del dispositivo.

LEGGI ANCHE: ZTE Axon M, la recensione

Il lato negativo della medaglia è che non tutti gli hardware saranno in grado di supportare i due nuovi formati dato che la compressione dei file richiederà uno sforzo computazionale maggiore rispetto a quanto avviene adesso con il formato JPEG. Un ulteriore ostacolo potrebbe anche essere costituito dalla questione del pagamento delle licenze relative ai codec sopra citati.

Le piattaforme come Snapdragon 810,820, 835 e 845 già supportano lo standard HEVC, come fanno anche i SoC Helio di MediaTek di fascia alta e gli ultimi Samsung Exynos. I problemi potrebbero nascere per i SoC MediaTek di fascia media e bassa e per i SoC Spreadtrum, usati sui dispositivi particolarmente economici.

Staremo a vedere se e come si muoveranno i vari produttori di chipset in questo senso, e quindi se dopo ben 25 anni di onorata carriera il formato JPEG verrà concretamente accantonato.

Via: CNET