Se state insultando Spotify, non avete ragione (opinione)

Nicola Ligas -

Pochi giorni fa Spotify ha annunciato un giro di vite contro i client non ufficiali, ovvero quelle app/mod che vengono usate per accedere al servizio premium, pur non essendo abbonati. Fin qui nulla di strano, del resto è diritto di Spotify difendere i suoi stessi interessi; il problema è che molti utenti, che evidentemente amavano piratare il servizio, non l’hanno presa bene, esponendosi al punto da recensire l’app sul Play Store dandole 1 stella e “regalandole” le peggiori offese.

Non è possibile fare pagare così tanto un applicazione di musica, fate solo ridere“, “Non ci avrete mai! BUFFONI“, “Ho già trovato una versione craccata dell’app funzionante. Grande Spotify”, “Avete reso un app stupenda in un app orrenda vergognatevi“, “Pagare a quel prezzo il premium per scegliere la musica è una truffa e mo avete pure tolto le versioni crackate fate pena“.

Le citazioni potrebbero proseguire a lungo, ma preferiamo fermarci qui, anche perché alcune sono ben più volgari di quelle riportate. Per leggerne altre vi basterà andare sulla pagina Play Store di Spotify. Ciò che ci lascia interdetti, oltre al tono fortemente maleducato dei più, è però il messaggio di sottofondo: tutto su internet deve essere gratuito; e se non lo è, è diritto degli utenti renderlo tale (ed al contempo insultare anche chi volesse provare a guadagnare su un suo servizio).

Se c’era una versione crackata c’è un perché, potevo scegliere la musica e non c’era pubblicità“, “Pretendo la libera scelta della musica. La pubblicità mi va benissimo, ma avere un servizio così tronco rispetto a quello per tablet e PC non mi va proprio giù. Era proprio per questo che usavo la versione modificata.” Questi due ultimi commenti riassumono bene il senso generale: se un servizio che mi piace è a pagamento, o non funziona come vorrei, è mio diritto renderlo gratuito. Provate ad applicare questo stesso concetto nel mondo reale, non in quello digitale, e vi accorgerete di quanto sbagliato sia e dei problemi in cui potreste incorrere.

Sinceramente non ci sembra il caso di insistere ulteriormente nello spiegare perché tutti questi commenti siano sbagliati in mille modi diversi, andando poi a penalizzare il voto di un’app che non ha fatto altro che tutelare i propri interessi, per di più in un settore nel quale le alternative non mancano di certo. E no, se la pensate diversamente, non avete ragione.