Sapevate che Jelly Bean è stata l’ultima versione di Android a superare il 50% di share? (foto)

Roberto Artigiani Da quando Google ha iniziato i rilasci annuali la situazione sembra essere sempre peggio...

Avevate mai notato che Lollipop, lanciato più di 2 anni fa, rappresenta un quarto della distribuzione totale di Android? E sapevate che a fine 2016 ancora circolava una piccolissima quota di dispositivi equipaggiati con Froyo, la vetusta versione proveniente dal 2010?

Se si escludono le poco fortunate varianti Honeycomb e Ice Cream Sandwich, da Gingerbread in poi (lanciato a fine 2010!) ogni nuova versione di Android ha raggiunto picchi di diffusione sempre minori. Altro dettaglio non da poco è che Jelly Bean (con le sue 3 varianti 4.1, 4.2 e 4.3 rilasciate nel 2012-13) è stato l’ultimo a superare quota 50%.

LEGGI ANCHE: Dopo un anno e mezzo, Nougat diventa il più diffuso

Nel corso del tempo Google ha fatto qualche sforzo per cercare di livellare l’esperienza Android, prima spostando le funzioni core dentro Play Services poi con Project Treble, e recentemente Linux gli ha fatto un favore aumentando il supporto del kernel da 2 a 6 anni.

Guardando i grafici della distribuzione di Android non si può non rimanere colpiti dai colori che rappresentano le versioni in circolazione e che contrasto con quelli quasi monocromatici di iOS. Ironicamente mentre gli schermi dei nostri dispositivi diventano capaci di mostrarci una gamma cromatica sempre più ampia, tutti noi vorremmo che questi grafici fossero sempre meno colorati.

Via: GSMArena