La versione 8.9 del Play Store potrebbe anticipare alcune interessanti novità in arrivo (download apk)

Matteo Bottin

Sebbene siano i dettagli estetici ad essere più di spicco in un aggiornamento, Google sta lentamente aggiungendo funzionalità che vanno a rendere il Play Store sempre più completo (come l’avviso di memoria quasi piena del dispositivo).

I colleghi di Android Police hanno eseguito un teardown completo della nuova versione del Play Store, scoprendo delle funzionalità in arrivo nascoste all’interno del codice. Andiamo a scoprirle subito insieme.

LEGGI ANCHE: Download da record nel Play Store, ma gli affari si fanno sull’Apple Store

APK modulari

Le instant app, annunciate l’anno scorso, permettono di provare un’applicazione scaricando solamente una piccola parte di un apk, per poi decidere in seguito se installarla.

Non ci stupirebbe quindi se Google dovesse permettere, in un futuro, di scaricare parti (o “moduli“) di una applicazione solo quando richiesti, andando ad alleggerire il peso complessivo dell’installazione alle sole funzionalità richieste. Google per ora si riferisce a questa feature come “split install“.

Questa possibilità permetterebbe, per esempio, di scaricare livelli di giochi molto pesanti solo con il progredire della storia, o di scaricare funzionalità derivanti da acquisti in-app senza dover accedere nuovamente al Play Store e dover installare una app separata.

Aggiornamenti di app peer-to-peer

Questa funzionalità sarebbe pensata per i mercati nei quali la connettività è lenta, costa molto o è difficile da reperire. Quando un utente riesce a scaricare un aggiornamento, questa funzione permetterebbe di condividerlo con le persone vicine, in un modo che si avvicina molto ad una condivisione di file peer-to-peer.

In questo modo, non solo tutti gli aggiornamenti condivisi non consumerebbero dati, ma ciò permetterebbe uno scambio dei file alla massima velocità permessa dai dispositivi connessi. Non è ancora chiaro quale tecnologia potrebbe essere utilizzata per lo scambio, ma potrebbe impiegare le Nearby Connections API per trovare possibili fonti.

Cronologia delle modifiche alle recensioni pubblica

Può capitare, spulciando nel Play Store, di trovare una qualche recensione che sembra “raffazzonata”, probabilmente frutto di una modifica dopo che un qualche problema è stato risolto.

Queste recensioni sono indicate da un indicatore visuale, ma solo agli sviluppatori è permesso leggerne lo storico delle modifiche. Con un nuovo aggiornamento, questo potrebbe diventare pubblico. Ciò permetterebbe anche agli utenti di poter conoscere la storia dell’app e come gli sviluppatori si sono comportati con eventuali problemi e/o richieste degli utilizzatori.

Per chi volesse avere l’ultima versione dello store senza aspettare il rilascio ufficiale da parte di Google, vi lasciamo il link per il download dell’apk:

Fonte: Android Police