Google rafforza la protezione delle app G Suite disabilitandole sui dispositivi non conformi (foto)

Vezio Ceniccola

Il pacchetto G Suite è sicuramente uno strumento fondamentale per tutti i professionisti e le aziende che vogliono sfruttare i servizi Google. Per migliorare la sicurezza di tale strumento, l’azienda californiana ha adottato un nuovo metodo di protezione, che punta a far utilizzare queste app solo agli utenti che rispettano tutte le linee guida imposte dall’azienda.

Il nuovo aggiornamento dell’app Device Policy permette ora di disabilitare l’accesso alle app non-critiche sui dispositivi aziendali che non rispettano tutte le norme di sicurezza stabilite, lasciando all’utente la possibilità di utilizzare solo i servizi fondamentali, come ad esempio SMS e chiamate.

Ciò significa che, finché l’utente non inserisce tutti i dati necessari o non aggiorna quelli già immessi, molti servizi utili e di ampia diffusione non potranno essere utilizzati. Tra questi, ad esempio, ci sono Chrome, Gmail, Google Calendar e lo stesso Play Store, dunque si tratta di app importanti per qualsiasi tipo d’utilizzo.

LEGGI ANCHE: Google Allo aggiunge la trascrizione dei messaggi

Come specificato all’inizio, si tratta di una novità che riguarda solo i disposiviti aziendali che fanno parte del programma G Suite, dunque non si applica ai normali utenti. La nuova funzione arriverà su tutti i dispositivi compatibili entro le prossime settimane, ma potete dare un’occhiata alla nuova versione di Device Policy nel link che trovate di seguito.

Fonte: Google