Il sensore di impronte di Galaxy S9 potrebbe finalmente essere collocato in una posizione più sensata (foto)

Edoardo Carlo Ceretti Purtroppo però, ancora non sotto al display.

Al netto dei gusti personali su linee estetiche e interfaccia grafica, un aspetto di Samsung Galaxy S8 aveva messo d’accordo tutti, raccogliendo una stroncatura unanime: la posizione del sensore di impronte. Riproposta poi anche su Note 8, la collocazione decentrata, troppo in alto e troppo vicino al sensore fotografico rappresenta tutt’ora un enigma sulle reali intenzioni degli ingegneri di Samsung in fase di progettazione. Con Galaxy S9, tutti si aspettano un’inversione di rotta da parte del produttore e un primo indizio tangibile in questo senso potrebbe essere arrivato.

Uno screenshot della schermata di rilevazione dei battiti cardiaci, trapelato da un presunto Galaxy S9 già in azione, ci mostra infatti la parte posteriore stilizzata del nuovo modello di punta di Samsung. Lo spazio per la fotocamera sembra ampio e allungato in verticale, segno che, almeno il modello Plus, potrà contare sul doppio sensore già introdotto in Note 8. Appena sotto, allineato alla fotocamera, ecco trovare spazio una piccola area rettangolare, con ogni probabilità attribuibile al sensore di impronte digitali.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Note 8, la recensione

La posizione sembra senz’altro più consona rispetto al passato, tuttavia sembrerebbe ancora troppo spostata verso l’altro, con il rischio di essere raggiunta con difficoltà da alcuni utenti. Slitta ancora l’implementazione del sensore di impronte sotto al display a cui però Apple potrebbe aver dato il colpo di grazia ancor prima di essere perfezionato. È possibile infatti che Samsung e altri produttori si concentreranno su un sistema di riconoscimento facciale 3D, per competere con il FaceID del grande rivale, via via accantonando lo sblocco tramite impronte.

Via: /LeaksFonte: Weibo