Niente Xiaomi Mi Pad in Europa, a meno di un cambio all'anagrafe

Mi Pad è troppo simile ad iPad, e ad Apple non piace...
Niente Xiaomi Mi Pad in Europa, a meno di un cambio all'anagrafe
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Tutto è iniziato addirittura nel 2014, quando Xiaomi ha richiesto il marchio Mi Pad all'EU Intellectual Property Office (EUIPO). Apple ha però avuto da ridire, presentando un formale reclamo all'EUIPO, sulla base del fatto che il nome del tablet di Xiaomi poteva essere frainteso con quello del ben più celebre iPad. Ed Apple ha avuto ragione.

Il Tribunale dell'Unione europea ha infatti sentenziato che l'aggiunta della lettera "m" non è sufficiente a distinguere abbastanza i due marchi. Inoltre, gli utenti inglesi tenderanno facilmente a pronunciare Mi Pad come "my pad", rendendo l'equivoco ancora più evidente.

Xiaomi può ancora ricorrere in appello, rivolgendosi alla più alta Corte di giustizia dell'Unione europea, ma non siamo sicuri se sarà davvero questa la prossima mossa dell'azienda. Stando così le cose però, o Xiaomi sceglierà le vie legali, sperando di spuntarla, oppure dovrà cambiare nome ai suoi tablet, se vorrà venderli in Europa. E forse la seconda soluzione potrebbe essere la più rapida e indolore.

Via: Reuters

Commenta