Google alla conquista dell’India: pronti hardware e servizi, anche con Assistant su feature phone

Edoardo Carlo Ceretti -

Dopo un passato sotto il giogo coloniale e decenni di stagnazione da paese indipendente, l’India sta subendo negli anni un vivace processo di espansione economica che – al netto delle disuguaglianze sociali ancora vigenti – l’hanno resa una vera e propria miniera d’oro tutta da esplorare, da parte dei grandi colossi tecnologici e dell’internet.

Non è un caso infatti che Xiaomi e molte altre aziende cinesi tengano in maggiore considerazione il mercato indiano, piuttosto che quello europeo. E che giganti come Apple e Google guardino con estremo interesse alle dinamiche interne di un paese immenso, che consta di quasi un miliardo e mezzo di abitanti. Proprio Google, con il lancio in salsa Oreo del progetto Android Go, vede nell’India il bersaglio privilegiato nel suo mirino.

LEGGI ANCHE: Il multitasking semplificato di Android Go

Con un bacino potenziale di un miliardo di nuovi utenti, le mosse di Google sono destinate a generare una vasta eco in India, perché cucite su misura di un popolo che ha ancora, scarse risorse e poche pretese da un punto di vista tecnologico, ma che al contempo ha sete di novità e di futuro. Il lancio di Android Go, affiancato da Google Go e Files Go è la testa di ponte ideale per sondare un terreno inesplorato e stuzzicare la rincorsa tecnologica degli utenti indiani, procedendo a piccoli ma decisi passi.

Un sistema operativo ottimizzato e semplificato, in grado di girare su hardware economici, con servizi più grezzi rispetto a quelli occidentali, ma in grado di rappresentare un assaggio di tutto ciò di cui noi utenti privilegiati siamo ormai da tempo abituati. Ecco infatti anche una versione speciale di Google Assistant per JioPhone, un feature phone indiano, in grado di parlare sia in inglese sia in hindi; una modalità di Maps indirizzata agli spostamenti su due ruote, dal momento che l’India è il maggiore mercato al mondo per i motocicli; nuove migliorie per Tez, il sistema di pagamento smart indiano. Il futuro è l’India, Google lo sa e si sta muovendo per ricreare anche lì il suo monopolio.

Fonte: Google