OnePlus 5T supera in scioltezza il primo test di resistenza: solidità e costruzione impeccabile (video)

Edoardo Carlo Ceretti

Fresco fresco di presentazione ufficiale, OnePlus 5T non ha potuto evitare di finire fra le grinfie di Zack del canale YouTube JerryRigEverything, famoso per i maltrattamenti a cui sottopone i principali smartphone che sbarcano sul mercato. Fino ad ora, OnePlus si è sempre distinta per l’ottima solidità e qualità costruttiva dei suoi modelli: sarà così anche questa volta?

Come ben noto, la parte frontale del nuovo smartphone di punta di OnePlus è interamente ricoperta dal vetro Gorilla Glass 5, interrotto soltanto dalla griglia della capsula auricolare, costruita in metallo e promossa per la sua robustezza e stabilità. Come da tradizione, il vetro mostra i primi segni soltanto a partire dal livello 6 della scala di durezza di Mohs, quindi difficilmente lo graffierete con chiavi o altri oggetti quotidiani.

LEGGI ANCHE: OnePlus 5T, la recensione

Il posteriore è invece costruito di un solido metallo anodizzato, che non teme i graffi di chiavi o monetine. Soltanto un coltello ben affilato è in grado di scalfirlo. Il lettore di impronte, spostato nella back cover a causa del display in 18:9, è costruito in ceramica, un materiale pressoché immune dai graffi: un’ottima notizia, perché la sua funzionalità difficilmente verrà compromessa da danni accidentali. Il vetro che ricopre il doppio sensore fotografico e il metallo impiegato per i tasti laterali comportano una promozione a pieni voti, da questo punto di vista.

Infine, i test più probanti riguardano il display e l’integrità strutturale complessiva. Il pannello AMOLED di OnePlus 5T impiega 20 secondi per subire danni – irreversibili, come da tradizione per questo tipo di tecnologia – mentre il bend test rivela come il produttore cinese abbia lavorato bene nel rendere strutturalmente solido e stabile lo smartphone, che non dà segni di cedimento di alcun tipo. Insomma, OnePlus 5T si dimostra uno smartphone adatto anche alle maniere forti. Per la resistenza alle cadute però, appuntamento al prossimo video di Zack.