Allo 19 ci dice che il supporto a Firefox del client web potrebbe diventare presto realtà (download APK)

Edoardo Carlo Ceretti

Google Allo si aggiorna ancora sul Play Store, giungendo alla versione 19. Dopo la possibilità di tradurre i messaggi rimanendo all’interno delle chat introdotta con la versione 18, Allo 19 non sembra apportare ulteriori cambiamenti immediatamente visibili agli utenti, segno che – almeno secondo Google – l’app stia giungendo ad un soddisfacente livello di maturità. Come al solito però, scavando fra i meandri del codice dell’APK, ci si può imbattere in qualche interessante indizio sul futuro del servizio.

La novità più succosa riguarda il client web di Allo, reso finalmente disponibile per gli utenti durante l’estate appena conclusa. Il suo funzionamento à la WhatsApp Web ha attirato più di una critica da parte dell’utenza, ma più di tutti ha probabilmente fatto discutere il suo supporto esclusivo a Chrome: gli utenti degli altri web browser sono per ora tagliati fuori dal suo utilizzo.

LEGGI ANCHE: Le prime funzionalità VR per Google Daydream disponibili su Chrome

Già fra le stringhe di codice di Allo 18 erano state rinvenute tracce di un possibile futuro supporto ad Opera, browser alternativo ma sicuramente non fra i più diffusi. In Allo 19 invece, ecco spuntare riferimenti a Firefox, browser che conta decisamente su un bacino di utenza più vasto. Sarà la volta buona per l’estensione del supporto?

Le altre novità riscontrabili fra il codice di Allo 19 riguardano una misteriosa modalità Gelato in testa, che potrebbe riguardare un effetto per la fotocamera che richiami la tipica scenetta da film comico, un’altrettanto enigmatica Chat fantasma, nuovi riferimenti agli adesivi per il client web e la voce Miscellanea per il notification channel dell’app.

Potete scaricare o aggiornare Allo alla versione 19 tramite il badge contenete il link diretto al Play Store, in alternativa – se il rollout non vi avesse ancora raggiunti – potete scaricare ed installare manualmente l’APK da qui.

Via: Android Police