I progressi di Google Assistant e Lens sono impressionanti, ma quando potremo toccarli con mano? (video)

Nicola Ligas

Si sono da poco conclusi i GDD Europe, i Google Developers Days europei, una sorta di Google I/O in miniatura, durante il quale, tra le altre cose, si è parlato di Assistant e Lens.

Oltre ad essere più veloce e più affidabile, Google Assistant ha mostrato un paio di assi nella manica che al momento non sono disponibili nemmeno per il pubblico di lingua inglese, ma che dovrebbero diventarlo nel prossimo futuro. Parliamo di cose come questa, ovvero della capacità di Assistant di rispondere a domande molto vaghe, come la sommaria descrizione di un film in cui Tom Cruise giocava a biliardo e ballava. Assistant potrà inoltre memorizzare alcune preferenze dell’utente, che poi saranno sfruttate per fornire risposte mirate. Ad esempio, inserendo la vostra temperatura ideale per nuotare, e chiedendo ad Assistant se sarete in grado di farlo nel prossimo fine settimana, la risposta sarà data in relazione alla preferenza espressa.

Un’altra funzione molto interessante è “sii il mio interprete“. Il funzionamento è esattamente come ve lo immaginereste: voi dettate ad Assistant le frasi che volete tradurre, e lui le scandirà ad alta voce nella lingua indicata.

Per quanto riguarda Google Lens, dovete vederlo in azione per apprezzarlo. La sua integrazione con Assistant sembra infatti al centro delle attenzioni di Google, in modo che possiate inquadrare un oggetto ed al contempo porre delle domande sul soggetto stesso, senza specificarne il contesto; proprio come fareste parlando con una persona. Che si tratti delle calorie di una mela o di un cambio di valuta, Google Lens ed Assistant lavorano perfettamente all’unisono.

Tutto si riassume con un paio di parole: intelligenza artificiale. È in questa direzione che si stanno concentrando gli sforzi di Google, e non è difficile né capirne il perché, né immaginarsi come mai siano possibili ritardi e rinvii, dato che parliamo di soluzioni estremamente complesse. Sembra comunque che il 2017 sarà l’anno di Assistant in italiano, ma di Google Lens purtroppo non abbiamo saputo più nulla di preciso dopo il suo annuncio al Google I/O, segno di quanto il progetto sia elaborato e (probabilmente) ancora incompiuto.

Avrete forse letto delle recenti dichiarazioni di Elon Musk su quanto sia cruciale la corsa verso l’IA, e che le consideriate esagerazioni o meno, potete stare sicuri che a Mountain View le stanno prendendo molto sul serio. Se aveste quindi voglia e (un’ora di) tempo, qui sotto vi lasciamo il video con l’intero keynote del GDD da gustarvi con calma.

Via: Android Police