Il nuovo algoritmo di classificazione del Play Store penalizzerà le app con più bug

Vezio Ceniccola -

Google sta operando una serie d’interessanti cambiamenti per le politiche del suo Play Store. Dopo l’allargamento del limite dei caratteri per i nomi delle app e l’introduzione delle nuove norme per le app di giochi a distanza, sembra sia venuta l’ora di una massiccia modifica alle modalità di classificazione dei contenuti software.

L’azienda di Mountain View ha sviluppato un nuovo algoritmo capace di valutare le app secondo le loro performance, andando a capire quali siano quelle che presentano più problemi – come bug, crash o draining della batteria – e agendo di conseguenza: le app più stabili e fluide vengono calssificate più in alto, quelle con lag e malfuzionamenti perdono posizioni nel ranking.

Tali aggiustamenti verranno inclusi sia nelle classifiche di categoria sia nei risultati di ricerca, in modo da offrire agli utenti solo il meglio delle app sullo store virtuale di Android.

LEGGI ANCHE: Centinaia di app per il trading rimosse dal Play Store

Il rollout del nuovo algoritmo è già stato avviato per un numero limitato di utenti e successivamente sarà esteso ad altri nel resto del mondo. La speranza di Google – ma anche quella di tutti noi utenti – è che, penalizzando le app più buggata, i relativi sviluppatori siano costretti ad aggiornare e risolvere i loro problemi, fornendo dunque app di migliore qualità e assistenza più costante.

Via: TechCrunch