Google espande il supporto delle API per Assistant anche al Regno Unito

Vezio Ceniccola

Le funzioni dedicata all’intelligenza artificiale di Google si stanno pian piano espandendo, uscendo dai soliti confini statunitensi in cui arrivano sempre in anteprima. La novità del giorno è che le Actions on Google sono ora disponibili anche per il Regno Unito, grazie al supporto completo al “British English“.

Con il supporto alle API ufficiali per l’AI, gli sviluppatori potranno creare app per Google Assistant e Google Home anche nell’idioma britannico, adattando meglio sia i testi che la sintesi vocale, in modo da avere un perfetto accento british.

I primi esempi di app per Assistant ottimizzate con l’accento britannico sono Akinator, Blinkist Minute e SongPop, ma ci aspettiamo che nelle prossime settimane tanti altri servizi possano essere aggiornati ed adattati al meglio per gli utenti del Regno Unito.

LEGGI ANCHE: Google Home, la recensione

Sebbene il passaggio dall’inglese americano a quello britannico non sembra una cosa molto traumatica, è sicuramente un segnale importante per quello che riguarda la piattaforma AI dell’azienda di Mountain View, soprattutto in vista di un possibile allargamento anche in ulteriori mercati e nuove lingue.

Per quanto riguarda noi utenti italiani, ci sono stati alcuni piccoli passi in avanti per il supporto della nostra lingua su Google Assistant, ma il supporto dell’AI di Google alla lingua italiano dovrebbe finalmente arrivare entro la fine dell’anno.

Via: 9to5Google