Samsung Galaxy S8 Active: ecco le probabili specifiche della variante rugged di Galaxy S8 (foto)

Edoardo Carlo Ceretti -

Le immagini e le scarse informazioni trapelate qualche giorno fa avevano lasciato ben pochi dubbi: Samsung Galaxy S8 Active non è altro che un Galaxy S8 rugged, con display piano (insomma, niente bordi curvi) e una batteria maggiorata. Ebbene, le più che probabili specifiche tecniche complete del futuro smartphone di Samsung rivolto ai lavori pesanti (o agli sbadati – NdR) trapelate oggi, non fanno che confermare la prima impressione.

Troviamo infatti l’Infinity Display Super Amoled da 5,8″ in risoluzione QHD+, con aspect ratio di 18,5:9 e protetto dall’immancabile Corning Gorilla Glass 5. Non mancano poi il SoC Qualcomm Snapdragon 835 (di una versione con Exynos 8895 per ora non si hanno notizie), 4 GB di RAM, 64 GB di memoria interna espandibile fino a 256 GB tramite microSD, la già citata batteria maggiorata da 4.000 mAh, la fotocamera posteriore da 12 megapixel con apertura f/1.7, Android in versione Nougat e tutta la sensoristica di S8, Bluetooth 5.1 compreso.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S8, la recensione (foto e video)

Ciò che cambia, oltre al design che potremmo definire militare, sono le dimensioni, più generose: 152,15 x 74,93 x 9,91 mm con ben 208,09 g di peso ne fanno uno smartphone non certamente maneggevole né comodo da portare con sé, ma d’altronde non è questo il suo fine. Bensì, la capacità di resistere in condizioni estreme, aggiungendo alla certificazione IP68 contro acqua e polvere – già presente su Galaxy S8 tradizionale – anche la certificazione MIL-STD-810G contro urti, cadute e sbalzi climatici considerevoli.

Leggendo i commenti al precedente articolo, Galaxy S8 Active sta riscontrando consensi soprattutto per il display non più curvo e un’autonomia che promette miracoli. Tuttavia, rimane uno smartphone meno pratico per l’uso quotidiano in condizioni normali (date le dimensioni), oltre al fatto che potrebbe non arrivare mai sul mercato italiano, seguendo la sorte dei suoi predecessori. Vedremo se quest’anno Samsung vorrà stupirci, oppure no.

Via: Sammobile