Samsung ed LG tremano: arriva NOA N5 con display 18:9, e poi un full screen con 8 GB di RAM e 4 fotocamere

Nicola Ligas -

NOA è un brand che viene dalla Croazia, ma nonostante la sua relativa vicinanza all’Italia dubitiamo che lo conosciate già. Ciò nonostante, o forse proprio a causa di questo, NOA non ha paura di sfidare i giganti del settore, chiamando in causa Samsung Galaxy S8 ed LG G6, ed in particolare il loro display con rapporto di forma 2:1 (o giù di lì).

Previsto per novembre/dicembre, NOA N5 sarà realizzato con corpo unibody in alluminio, avrà uno schermo edge-to-edge da 6” full HD con rapporto di forma 2:1. A giudicare dall’immagine diffusa dall’azienda però, i bordi superiore ed inferiore non sono così contenuti come nei due smartphone coreani, quindi ce lo immaginiamo piuttosto lungo per conservare i decantati 18:9.

All’interno troviamo un processore MediaTek MT6750, con 4 GB di RAM, 64 GB di memoria interna, fotocamera posteriore da 13 megapixel (doppia? dall’immagine sembrerebbe di si…) e frontale da 5 MP. Il tutto però alimentato da una generosa batteria da ben 5.000 mAh, che dà sì lezioni ai “rivali” Samsung ed LG. Il tutto, ovviamente, ad un prezzo da mid-range; prezzo che però non è stato reso noto. Ma non finisce qui.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che volete sapere su Galaxy Note 8

Al prossimo Mobile World Congress del 2018, NOA svelerà uno smartphone con schermo che coprirà l’intera superficie frontale, dotato di CPU MediaTek Helio X35 a 10 nm e ben 8 GB di RAM, 128 GB di memoria interna, batteria da 5.000 mAh e 4 fotocamere (due davanti e due dietro). E se questo non bastasse, NOA lancerà anche un modello di fascia ancora più bassa, con schermo da 5,5”, sempre in 2:1.

Ovviamente al momento restano promesse da marinaio, da parte di un brand che dice di essersi affermato sul mercato locale, dove in effetti troviamo tanti suoi smartphone e feature phone, e pronto ad espandersi nel resto d’Europa. Vedremo se la cosa gli riuscirà, ma di certo il fatto che stiamo qui ora a parlarne, per quanto in maniera un po’ ironica, è comunque una parziale vittoria per NOA. Se ne riparleremo anche in futuro, sarà davvero tale.