Huawei ha registrato il marchio ‘P20’: cambio di nomenclatura in vista per il prossimo top di gamma?

Edoardo Carlo Ceretti

Huawei si è ormai affermata come un vero e proprio colosso mondiale nel settore degli smartphone, con esponenti come P10 e P10 Plus ormai ritenuti da tutti come fra i migliori top di gamma del panorama Android. Ma non è sempre stato così, o meglio, il produttore cinese ne ha dovuta fare di gavetta per arrivare a ricoprire il suo attuale ruolo di spicco. In particolare, la serie P, arrivata alla numerazione 10, partì da lontano, tanto che forse molti di voi non lo ricorderanno nemmeno.

Correva l’anno 2012, quando la quasi sconosciuta (da parte degli utenti consumer) Huawei presentò al mondo Ascend P1, uno smartphone dalle buone specifiche (montava un SoC di Texas Instrument, addirittura) e dal prezzo aggressivo. L’anno dopo fu la volta di Ascend P2, ma nello stesso anno 2013 la prima svolta, con Ascend P6, con cui Huawei si affacciò timidamente alla fascia alta del mercato, saltando le numerazioni 3, 4 e 5. Di lì un poi fu un continuo e inarrestabile miglioramento, con P8 che fu il primo a perdere la denominazione Ascend. Ora però Huawei potrebbe star meditando una nuova accelerazione nella nomenclatura progressiva dei suoi dispositivi.

LEGGI ANCHE: Il prossimo SoC Kirin 970 potrebbe debuttare assieme a Mate 10 (foto)

Fonti orientali infatti assicurano che il produttore cinese abbia registrato il marchio Huawei P20. Potrebbe quindi essere che, a seguito di valutazioni interne al reparto marketing di Huawei, il successore di P10 (previsto non prima del 2018) non si chiamerà P11, bensì proprio P20. Se sarà una mossa vincente (sempre che venga effettivamente attuata), solo il tempo saprà dircelo. Nel frattempo Huawei sarà impegnata nello sviluppo di Mate 10 e noi come voi siamo molto curiosi di scoprire quali sorprese porterà in dote il prossimo phablet top di gamma del colosso cinese.

Via: Neowin