Kaspersky controlla le app in esecuzione e promette più autonomia con l’app Battery Life (foto)

Leonardo Banchi

Rimanere senza il proprio smartphone a causa della batteria è senza dubbio una delle preoccupazioni che più mette in difficoltà gli utenti di oggi, e per la quale i produttori dei dispositivi non sono ancora riusciti a dare una risposta soddisfacente.

A “mettere una pezza” alla situazione ci ha quindi pensato Kaspersky: la nota azienda di sicurezza ha infatti sviluppato Battery Life, un’applicazione che promette di tenere a bada le app eseguite in background nel vostro dispositivo e incrementare così la sua autonomia.

Tutto con un tap

L’idea non è particolarmente originale, e neanche la realizzazione esce troppo fuori dagli schemi: l’app si presenta infatti come una soluzione “one-click”, dato che semplicemente aprendola troverete davanti a voi una stima dell’autonomia residua, l’elenco delle app in esecuzione e un pulsante che vi permetterà di chiuderle tutte in un colpo solo. Al termine dell’operazione otterrete un calcolo dell’autonomia guadagnata, e un rapporto su eventuali applicazioni che si sono riavviate in modo automatico.

LEGGI ANCHE: Migliori App Android per il Fitness e la Salute

Kaspersky Battery Life offre naturalmente anche una soluzione per questa situazione, dato che potrete concederle i permessi di accessibilità per impedire il riavvio automatico delle applicazioni. Come diciamo sempre per app di questo tipo, però, ricordate che chiudere manualmente le applicazioni non è necessariamente sinonimo di incremento della batteria, e che il blocco incondizionato di alcune app rischia di farvi perdere notifiche in tempo reale e altre funzionalità.

Download gratuito

Kaspersky Battery Life è disponibile gratuitamente sul Play Store, anche se attualmente ancora con l’etichetta “Unreleased”. Per provarla subito sui vostri dispositivi (attenzione: non sembra essere compatibile con Android Nougat) potete comunque scaricarla cliccando sul badge per il download che trovate a seguire.

POTREBBE INTERESSARTI: Bluetooth aptX: cosa è e perché volerlo