Dimenticate il cestino: gli oggetti usati prendono nuova vita con l’app REGALO (foto)

Leonardo Banchi

Ciascuno di noi ha sicuramente in casa un buon numero di oggetti usati, il cui destino è generalmente quello di finire nel cestino dopo un lungo periodo di inutilizzo. Perché, quindi, non renderli nuovamente utili regalandoli a qualcuno a cui possano fare comodo?

Questa è l’idea alla base di REGALO, un’applicazione gratuita che, come suggerisce il nome, permette ai suoi utenti di dare in regalo qualunque cosa senza costi, e naturalmente di richiedere uno degli oggetti offerti.

Come regalare e trovare oggetti gratis

Utilizzare REGALO è semplicissimo: la schermata principale dell’app vi mostrerà infatti fin da subito tutti gli oggetti più vicini a voi, mentre con la funzione di ricerca potrete trovare un oggetto specifico oppure limitare i risultati a una specifica categoria (abbigliamento, elettrodomestici, ecc…). Una volta trovato qualcosa che vi interessa potrete poi riservarlo e accordarvi per il ritiro con il creatore dell’annuncio attraverso un sistema di messaggistica interna.

LEGGI ANCHE: 5 app per ascoltare radio e podcast

Dato che non è sempre facile trovare qualcosa di specifico, l’app offre però anche la funzione Fi.Go. (dall’inglese Finding Goods), che permette di dare vita a una sorta di “crowdfunding di oggetti”: potrete infatti stilare una lista di cose che vi servono per un vostro progetto, permettendo a chi possiede uno di essi di aiutarvi.

Naturalmente, come spesso succede per le app giovani, attualmente il difetto principale di quest’app è il ristretto numero di utenti e, di conseguenza, di annunci attivi. Speriamo però che la sua diffusione possa contribuire preso a creare un ricco scambio di oggetti usati e una riduzione degli sprechi.

Download gratuito

L’app REGALO è disponibile gratuitamente sul Play Store: potete installarla sul vostro dispositivo, e iniziare l’opera di svuotamento della casa dagli oggetti che non vi servono più, cliccando sul badge per il download che trovate a seguire.

POTREBBE INTERESSARTI: Codice IMEI: a cosa serve e come verificarlo