Android O porterà con sé un rinnovato sistema di autenticazione via SMS per le app

Edoardo Carlo Ceretti

Android O al momento è ancora in fase di test iniziale, è quindi difficile esprimersi su quali saranno le innovazioni maggiori che porterà la nuova versione di Android. Per ora sappiamo che Google si sta concentrando nuovamente sul miglioramento dell’autonomia e della gestione delle notifiche, tuttavia continuano spuntare tante piccole novità che, quando funzionano correttamente, sono sempre ben accette. Oggi vi parliamo del sistema di autenticazione via SMS richiesto da diverse app (soprattutto quelle di messaggistica) che in Android O vedrà un bel rinnovamento.

Attualmente infatti il sistema di autenticazione via SMS funziona così: per portare a termine la registrazione (o rieseguire il login) di app come WhatsApp o Telegram ci viene richiesto di inserire un codice che riceveremo sul numero di telefono usato per la registrazione. Nel caso l’app in questione abbia ricevuto i permessi di lettura dei nostri SMS, alla ricezione del messaggio il codice viene inserito automaticamente dall’app. Viceversa, nel caso il permesso fosse stato negato, il codice andrebbe inserito manualmente. Si tratta di un sistema che funziona già tutto sommato bene, ma che comporta un paio di problematiche: per motivi di privacy, a molte persone non piace che un’app abbia libero accesso a tutta la nostra cronologia degli SMS; inoltre, questi SMS di attivazione rimangono nella memoria dei messaggi, occupando uno spazio sì minimo, ma comunque inutilmente. Ed ecco che Google, con Android O, ha pensato ad un’alternativa a questo sistema già rodato.

LEGGI ANCHE: Il programma beta di Android O è in arrivo

Con la nuova versione di Android infatti, le app potranno comunicare al sistema che di lì a poco si aspettano di ricevere un SMS di verifica, composto da un certo numero di caratteri. Per fare questo, le app creeranno un token che conterrà i caratteri che saranno mostrati nel testo dell’SMS in modo che, alla ricezione del messaggio, l’app sarà in grado di riconoscerli automaticamente e portare a termine l’autenticazione. Inoltre, questo sistema impedirà all’SMS di autenticazione di finire nell’inbox dei messaggi, ma scomparirò subito dopo l’uso.

Si tratta insomma di una feature secondaria, che però si preannuncia comoda e intelligente nella sua semplicità. Per informazioni più tecniche sul funzionamento di questo nuovo sistema di autenticazione vi lasciamo al link a XDA Developers che potete trovare a fine articolo.

Via: XDA Developers