Samsung pubblica Wemogee, un’app per comunicare con i malati di afasia (foto)

Leonardo Banchi

Uno dei pregi principali degli smartphone e della tecnologia in genere è sicuramente quello di avere favorito la comunicazione fra le persone, che grazie a costi contenuti e all’abbattimento delle distanze possono rimanere in contatto senza difficoltà.

Tuttavia, continuano a sembrare insormontabili barriere come l’afasia, una malattia che rende impossibile la comprensione delle normali frasi: Wemogee, un’app gratuita sviluppata da Samsung Italia, potrebbe però aiutare anche in questo campo.

Lo emoji per abbattere le barriere

Wemogee è infatti un’applicazione che si basa sull’utilizzo delle emoji per aiutare le persone afasiche a comunicare: al suo interno è infatti presente un set di tutte le frasi più comuni nelle conversazioni quotidiane (“come stai?”, “usciamo stasera?”, “sono molto contento”), tradotte nel linguaggio delle faccine, comprensibile anche ai malati di afasia.

LEGGI ANCHE: Migliori App Android per Mangiare e Bere

Utilizzare l’app è molto semplice: come in ogni applicazione di messaggistica dovrete infatti registrare il vostro account utilizzando il numero di telefono, ma fra le informazioni iniziali vi verrà chiesto anche se siete afasici o meno: nel primo caso, infatti, vi verranno mostrate le frasi sotto forma di emoji, mentre nel secondo caso potrete vederne la “traduzione” in italiano o inglese.

L’app è molto nuova, e per questo presenta alcuni piccoli problemi e malfunzionamenti (soprattutto nella procedura di registrazione). Il suo sviluppo è tuttavia ancora in pieno svolgimento, e confidiamo che entro il momento del lancio anche per iOS tutte le difficoltà saranno superate, e Wemogee potrà essere un valido strumento per superare anche questa barriera di comunicazione.

Download gratuito

Samsung Wemogee è disponibile gratuitamente sul Play Store: potete scaricarla sul vostro smartphone cliccando sul badge per il download che trovate a seguire.

POTREBBE INTERESSARTI: Come si fa a spiare WhatsApp e come evitarlo

Fonte: Samsung