State ancora aspettando il lancio di Xiaomi in Europa? Abbiamo brutte notizie per voi

Lorenzo Delli

Diverse volte abbiamo parlato di un possibile debutto di Xiaomi in Europa e negli Stati Uniti, e la presenza della società cinese al Mobile World Congress 2016 aveva fatto sperare bene in merito proprio ad un debutto della stessa al di fuori dei confini cinesi.

Le cose, come saprete, sono andate diversamente: Hugo Barra ha abbandonato la poltrona di Global Vice President di Xiaomi tornando negli Stati Uniti, più precisamente a Facebook Inc.; al suo posto siede oggi Wang Xiang, il quale in occasione del lancio del nuovo Xiaomi Mi6 ha rilasciato delle dichiarazioni che non fanno certo ben sperare per il lancio dei dispositivi del noto marchio cinese in Europa, né tanto meno negli USA.

LEGGI ANCHE: Il motivo per cui manca il jack audio su Xiaomi Mi6

Wang Xiang, in occasione di un’intervista con i colleghi di Engadget, si è detto conscio del volume di fan di Xiaomi presenti negli Stati Uniti e in Europa e dispiaciuto dell’impossibilità di vendere in queste due regioni, ma non si è assolutamente voluto esporre indicando un periodo di lancio. Al momento la società si sta concentrando con tutte le sue forze su 30 diverse regioni, quasi tutti mercati in via di sviluppo, più inclini probabilmente a dispositivi low-cost che a terminali premium caratterizzati anche da prezzi ben più elevati. L’obiettivo di Xiaomi al momento è quello di portare l’innovazione a quante più persone possibile, cosa di cui Europa e Stati Uniti non hanno certo bisogno.

Nel Q4 del 2016 Xiaomi era il secondo marchio per volume di vendite in India e terzo in Ucraina, Indonesia e Birmania. I piani dell’azienda al momento sono concentrati su queste nazioni, e l’intenzione è anche quella di creare sempre più distributori locali e negozi ufficiali. La società, a detta di Xiang, si impegnerà comunque a rilasciare uno o due dispositivi globali, dotati quindi di più bande radio, l’anno e anche un degno erede di Xiaomi Mi Mix. Di un possibile debutto in Europa se ne riparlerà quindi nel 2018, sempre che la società si sente sufficientemente pronta.