Come inviare file non supportati con WhatsApp: Steg (foto)

Leonardo Banchi

WhatsApp è sicuramente uno dei modi più comodi per condividere foto, video e documenti con i propri contatti: è un servizio rapido, affidabile e praticamente universale, dato che quasi tutti lo utilizzano in modo quotidiano.

Tuttavia, le limitazioni rispetto a un servizio pensato appositamente per la condivisione di file sono molte: la più importante è rappresentata sicuramente dall’elenco dei formati supportati, che comprende soltanto i documenti più noti, foto e video. Grazie a Steg, però, è possibile superare questo limite in modo decisamente semplice.

Come inviare zip, APK e altro con WhatsApp

Steg è un’applicazione gratuita realizzata da uno sviluppatore di XDA, che sostanzialmente consente di modificare l’estensione di un qualunque file in “.pdf”, così da farlo riconoscere ed inviare a WhatsApp. Naturalmente, il vostro interlocutore dovrà a sua volta avere installato Steg, così da poter riconvertire il file nel formato originale ed aprirlo senza difficoltà.

LEGGI ANCHE: Migliori App Android per le Notizie

La procedura è semplice: una volta aperta l’applicazione, dovrete scegliere la voce “Encode” e sfogliare la memoria del vostro smartphone alla ricerca del file che volete condividere. Il nome finale del documento verrà compilato in automatico, e potrete così procedere alla codifica e alla condivisione del file utilizzando WhatsApp. Dall’altro lato, il vostro contatto dovrà scegliere di aprire il file con Steg e decodificarlo per poterlo utilizzare a dovere.

Questo metodo, oltre che di inviare file non supportati, permette anche di condividere foto in alta risoluzione, evitando la compressione operata da WhatsApp: tuttavia, non si può fare a meno di pensare che se dovete convincere un vostro contatto a scaricare quest’app, forse potrebbe risultare migliore l’idea di rivolgersi ad un altro servizio per la condivisione.

Download gratuito

Steg è disponibile gratuitamente tramite XDA: potete scaricarlo visitando il thread realizzato dallo sviluppatore a questo link.

POTREBBE INTERESSARTI: Bluetooth aptX: cosa è e perché volerlo