Lo smartphone di Andy Rubin fa capolino su GFXBench svelandoci qualche nuovo dettaglio (foto)

Edoardo Carlo Ceretti Indizio: potrebbe avere qualcosa in comune con G6 e Galaxy S8.

È ormai ben noto che il fondatore di Android, Andy Rubin, sia al lavoro per la creazione e lo sviluppo di uno smartphone ‘rivoluzionario’, il cui cuore pulsante sarà rappresentato dall’intelligenza artificiale.

Questo progetto, ancora avvolto nel mistero, ha già lasciato alcune tracce di sé nel corso di quest’anno, in particolare il passaggio su Geekbench di un modello dal nome in codice di Essential (dal nome della società di Rubin che lavora al progetto) FIH-PM1 e una ben più eloquente fotografia (che campeggia sopra al titolo di questo articolo) postata su Twitter da Rubin stesso.

LEGGI ANCHE: Lo smartphone di Andy Rubin incontra un ostacolo chiamato Apple

Oggi invece un nuovo tassello di questo avvincente puzzle: un nuovo benchmark, questa volta GFXBench, ci ha svelato qualche particolare in più sul famigerato FIH-PM1. Alcuni dati, come la dimensione del display da ben 18″,  sono da tralasciare in quanto palesemente errati (speriamo lo sia anche la memoria interna da soli 16 GB). Altri sono delle piacevoli conferme, come lo Snapdragon 835 e i 4 GB di RAM. Molto interessante è invece la possibile risoluzione dello schermo di 1.312 x 2.560 pixel, con una aspect ratio che va nella direzione di LG G6 e Samsung Galaxy S8, sebbene non siano proprio 18:9.

Insomma, il progetto di Andy Rubin continua a far parlare di sé e a generare hype fra gli appassionati, che non vedrebbero l’ora di mettere le mani su un rivale di S8, Google Pixel e iPhone del decennale, dotato di specifiche al top e di un design frontale ispirato a Xiaomi Mi Mix, con il jolly dell’intelligenza artificiale. Voi pensate che Rubin possa davvero tirare fuori dal cilindro uno smartphone in grado di scuotere e rivoluzionare il mercato mobile?

Via: Phone Arena