Google Foto implementa finalmente la stabilizzazione dei video nel suo editor (foto)

Nicola Ligas -

Come anticipato diversi mesi fa, Google Foto ha finalmente portato nel suo editor video la possibilità di stabilizzare i filmati, grazie all’aggiornamento alla versione 2.13. L’uso è piuttosto semplice: scegliete il filmato che volete stabilizzare e premete l’icona col simbolo della penna per entrare in modalità editor. Se il video non fosse già memorizzato sul vostro smartphone verrà scaricato (occhio quindi alla connessione). Una volta che tutto sarà pronto, il pulsante per stabilizzare il video si troverà in basso a sinistra.

Premendoci sopra avvierete l’elaborazione del filmato, che potrà impiegare anche diversi minuti, a seconda della lunghezza e della qualità del video, oltre che della potenza del vostro smartphone. Una barra di progresso vi indicherà comunque quanto manca, ed al termine, premendo sul pulsante per la stabilizzazione, potrete abilitarla o meno al volo, per vedere la differenza. Trattandosi di stabilizzazione digitale, applicata per lo più in post-elaborazione, qualche piccola porzione del filmato potrebbe risultare tagliata, ma nel complesso il risultato sembra buono. Giudicatelo da questa galleria comparativa: i video a sinistra sono non stabilizzati, quelli a destra sono post-stabilizzazione. La differenza è netta e notevole.

C’è però un particolare curioso: l’apk di Google Foto 2.13 contiene diverse nuove stringhe relative a Google+, riguardo le cerchie, l’aggiunta di persone, il follow a persone/pagine, ecc. Sinceramente non pensiamo che ci sarà un ritorno di fiamma tra le due app, dato che ormai si sono separate da tempo, e fino a prova contraria archivieremo qui la cosa. Tanto più che, sempre nella stessa app, ci sono anche riferimenti ad una “misteriosa funzione di Austin“, ma non chiedeteci chi sia quest’ultimo, né quale possa essere questa funzione.

\????

from /res/layout/photo_action_bar.xml
id=”@id/austins_mystery_feature_stub”android:layout=”@layout/photo_action_bar_austins_mystery_feature_button”android:layout_width=”0.0dip” android:layout_height=”wrap_content” android:layout_weight=”1.0″ />

from /res/layout/photo_action_bar_austins_mystery_feature_button.xml
xmlns:android=”http://schemas.android.com/apk/res/android”>
id=”@id/austins_mystery_feature”android:background=”@drawable/photo_action_bar_button_background” android:paddingLeft=”@dimen/photo_action_bar_item_horizontal_padding” android:paddingTop=”@dimen/photo_action_bar_vertical_padding” android:paddingRight=”@dimen/photo_action_bar_item_horizontal_padding” android:paddingBottom=”@dimen/photo_action_bar_vertical_padding” android:layout_width=”wrap_content” android:layout_height=”wrap_content” android:src=”@drawable/quantum_ic_photos_white_24″ android:scaleType=”center” android:maxWidth=”@dimen/photo_action_bar_item_max_width” android:minHeight=”@dimen/photo_action_bar_item_min_height” android:layout_centerHorizontal=”true” android:contentDescription=”@string/photos_photofragment_components_photobar_action_austins_mystery_feature” />
id=”@id/austins_mystery_feature_button_label” android:visibility=”gone” android:layout_width=”wrap_content” android:layout_height=”wrap_content” android:text=”@string/photos_photofragment_components_photobar_action_austins_mystery_feature” android:layout_alignBottom=”@id/austins_mystery_feature” android:layout_centerHorizontal=”true” android:alpha=”0.7″ />

Fonte: Android Police