Cos’è Google Bisto? La spariamo: cuffie/auricolari powered by Google Assistant!

Nicola Ligas

All’interno dell’ultima versione dell’app Google (7.0.4) sono stati trovati, sia da XDA che da 9to5Google, dei riferimenti a Bisto. In base a quel poco che si può estrapolare, sembra che Bisto rappresenti una qualche categoria di prodotto, al pari di Android TV, Google Home, Pixel, Android Wear ecc. L’unica cosa che questi hanno in comune è la presenza del Google Assistant (su Android TV non ancora, ma è previsto), ma ciò non ci dice molto sulla natura di Bisto.

C’è però un riferimento alla possibilità di “ascoltare le notifiche in cuffia” con Bisto, quindi, qualunque cosa sia, è prevista la possibilità di collegarci degli auricolari. E se Bisto fossero proprio delle cuffie/auricolari? In fondo è un tipo di wearable che manca all’elenco, ed avere un assistente vocale a portata di orecchio, e quindi di voce, è una cosa quasi naturale. Sempre a proposito delle notifiche, Google Assistant ha da poco aggiunto un toggle proprio ad esse relativo, che per adesso non sembra funzionare in alcun modo, ma che si ricollega sorprendentemente bene a quanto ipotizzato.

9to5Google azzarda anche un collegamento con Project Aura, un qualche tipo di wearbale cui Google stava lavorando (almeno in teoria) assieme ai successori dei Pixel, ma non abbiamo saputo più nulla né dell’uno né dell’altro, quindi ci sembra un salto un po’ azzardato, e soprattutto non confermabile. Sia quel che sia, lo scopriremo forse al Google I/O del prossimo maggio, che sembra il terreno ideale per il lancio di una nuova categoria di prodotto.

LEGGI ANCHE: Ecco come Gboard migliorerà da sola!

Per completare la cronaca odierna, aggiungiamo solo che il teardown dell’app Google ha evidenziato anche l’arrivo del supporto al multi-utente per il riconoscimento della hotword, in modo da poter configurare più voci diverse per usare i comandi vocali, e nuove icone per i vari servizi dell’app, che potete intravedere nella galleria qui sotto.

Come già detto, ci siamo mossi nel campo puramente ipotetico e “sparando” un po’ a logica, ma senza forti prove a nostro sostegno. Vedremo in futuro se le previsioni si saranno rivelate esatte o meno, ma intanto potete dirci le vostre nei commenti.