Moto C e Moto C Plus svelati: così entry-level da essere quasi anacronistici

Nicola Ligas -

Li avevamo anticipati stamani, e adesso Evan Blass ha vuotato ancora una volta il sacco su quelli che saranno due smartphone Android prossimi venturi, nella fattispecie Moto C e Moto C Plus, in nuovi entry-level Lenovo / Motorola.

Entrambi gli smartphone sono dotati di schermo da 5 pollici, che differisce però nella risoluzione: FWVGA (480 x 854 pixel) per Moto C, ed HD (720 x 1.280 pixel) per Moto C Plus. E per ribadire che di fascia molto bassa parliamo, Moto C sarà disponibile a sua volta in due varianti: una con connettività 4G ma l’altra solo 3G; Moto C Plus invece non farà mai a meno dell’LTE.

Diverso anche il processore: MediaTek quad-core a 32-bit a 1,3 GHz su Moto C 3G, passando ai 64-bit (sempre MediaTek) sia su Moto C Plus che su Moto C 4G, ma con frequenze, rispettivamente, di 1,3 ed 1,1 GHz.

LEGGI ANCHE: Recensione Moto G5 Plus

Per rendere ancora più variegata la loro scheda tecnica, Moto C avrà sempre e comunque 1 GB di RAM, mentre Moto C Plus potrà avere 1 o 2 GB, a seconda del mercato. In maniera speculare, la memoria interna di Moto C varierà tra 8 e 16 GB a seconda della connettività e del paese, mentre Moto C Plus avrà sempre 16 GB di storage. In ogni caso, dovrebbe sempre essere presente l’espansione tramite microSD.

Sul fronte fotografico abbiamo una 5 megapixel (fuoco fisso su Moto C 3G, autofocus sulla variante 4G) sul retro ed una due megapixel davanti, che ha anche il flash frontale. Su Moto C Plus abbiamo le stesse ottiche anteriori, ed una fotocamera da 8 megapixel sul retro. Infine la batteria: 2.350 mAh per Moto C e ben 4.000 mAh per Moto C Plus, che dovrebbero garantirgli un’ampia autonomia. Il lato positivo: c’è Android Nougat su tutta la linea Moto C

Nessuna parola su disponibilità e prezzo, ma come abbiamo già avuto modo di osservare, ci saranno vari colori (black, white, gold e red senz’altro), che vi riproponiamo anche qui sotto. Restiamo in attesa di comunicazioni ufficiali per l’Italia, perché come avete visto il quadro tecnico è fortemente dipendente dal mercato in cui gli smartphone saranno lanciati. Certo è che Lenovo dovrà proporli proprio ad un “prezzaccio”.

Fonte: Venturebeat