Cambiano i rimborsi sul Play Store: ora a perderci sono solo gli sviluppatori

Vezio Ceniccola

Cambiano ancora le politiche del Play Store di Google, e stavolta non c’è molto da sorridere per gli sviluppatori. Infatti, oggi si parla di soldi, o meglio di rimborsi, parola non tanto amata dai publisher dello store ufficiale di Android.

Come molti lettori sapranno, gli utenti hanno il diritto di chiedere il rimborso immediato per un’app entro 2 ore dall’acquistato sul Play Store. Se il rimborso viene chiesto entro 48 ore, la procedura è comunque automatica, ma non immediata. Oltre a questo, però, è possibile chiedere indietro i soldi spesi per un’app anche in un altro modo, un po’ più complesso ma valido per qualsiasi lasso di tempo: bisogna inviare un’e-mail a Google con la richiesta specifica di rimborso e, in caso essa venga accettata, si potranno ricevere indietro i propri danari anche ben oltre le 48 dall’acquisto.

I cambiamenti odierni delle politiche di Google riguardano proprio quest’ultima modalità. Sinora, i rimborsi effettuati dopo le 48 ore dall’acquisto non andavano a pesare sui guadagni degli sviluppatori, ma venivano assorbiti direttamente dall’azienda californiana, che si faceva carico della restituzione della somma dovuta di tasca propria. Da adesso, invece, anche questi soldi verranno prelevati dal conto dello sviluppatore che ha pubblicato l’app, come già avviene per i rimborsi entro le 48 ore.

LEGGI ANCHE: Il Play Store diventa “globale”

Tale modifica è stata annunciata tramite un’e-mail – che trovate riportata a fine articolo – inviata a tutti gli sviluppatori, e sarà effettiva a partire dai prossimi mesi. Da ora in poi, dunque, gli sviluppatori saranno completamente responsabili di tutti i rimborsi richiesti dagli utenti e, anche se probabilmente è più giusto così, questo aspetto potrebbe causare un po’ di problemi per tutti coloro che lavorano nel settore delle app mobile, che potrebbero veder diminuire gli introiti già realizzati anche a distanza di molto tempo.

Hello Google Play Developer,

In order to keep Play fair for users and developers, and bring Play in line with the majority of app and game stores in the industry, we are making a change to our developer policy regarding refunds. *We will subtract all refunds from developer payouts, not just those made within 48 hours of purchase.* The Google Play Developer Distribution Agreement (“DDA”) will be updated to reflect this change in the coming months.

With the same goal in mind, we’ve just launched the Voided Purchases API to help you maintain a fair ecosystem in your app or game.

With the new API, you can check which users have refunded or charged back in-app purchases in order to claw back those items for that user in your app or game. This change helps to deter abusive behavior and will make the ecosystem fairer for all users.

We updated the Google Play Developer API terms of service to include the terms governing the use of this new API. By using the new API, you indicate your agreement to these terms.

Via: 9to5Google