APKUpdater vi permette di aggiornare le vostre app anche senza il Play Store (foto)

Leonardo Banchi

Il Play Store è naturalmente la principale fonte di applicazioni per chiunque utilizza uno smartphone Android: si trova preinstallato sulla maggior parte dei modelli, è semplice da utilizzare e provvede anche a mantenere sempre aggiornate le vostre app.

Tuttavia, può capitare che non sia possibile affidarsi a quest’ultimo, come ad esempio per superare qualche limitazione geografica della disponibilità di un’app, oppure qualora il dispositivo acquistato non includa le applicazioni Google. In questi casi, il modo migliore per tenere aggiornate le proprie app senza dover fare tutto a mano è probabilmente APKUpdater.

Tutto senza sforzo

APKUpdater è un progetto open source che sfrutta alcune fra le fonti di APK più note del web (come APKMirror) per mantenere sempre aggiornate le applicazioni sul vostro smartphone. Una volta installato, esso provvederà infatti a esaminare la lista delle applicazioni installate, e a notificarvi la presenza di nuove versioni.

LEGGI ANCHE: Migliori App Android per Scuola e Università

Questo “gestore di applicazioni” alternativo è estremamente semplice da utilizzare (le notifiche degli aggiornamenti contengono infatti anche i link per scaricare le nuove versioni), offre una interfaccia Material dal colore personalizzabile e, soprattutto, è estremamente affidabile.

Fra le impostazioni troverete poi la possibilità di personalizzarne il comportamento evitando la proposta di versioni sperimentali delle app (alpha e beta), nonché di scegliere la vostra fonte preferita fra APKMirror, APKPure o perfino dal Play Store, utilizzato senza bisogno di un account Google grazie al servizio Evozi.

Download gratuito

APKUpdater è disponibile in modo del tutto gratuito, ma per ovvi motivi non potrete trovarlo sul Play Store. Per installarlo vi lasciamo quindi a seguire un link al thread dello sviluppatore su XDA, dove potrete trovare sempre il download più aggiornato.

Download APKUpdater

POTREBBE INTERESSARTI: Cos’è il WPS e come funziona