Greenify beta porta con sé le ricette, un modo per controllare le app ancora più “alla radice”

Nicola Ligas -

Greenify 3.1 beta sta sperimentando un’interessante funzione, chiamata “Prescription“. Si tratta in pratica di una serie di regole destinate a bloccare comportamenti specifici delle varie app. Queste “regole” sono open-source, e chiunque su GitHub può contribuire, ma affinché funzionino è richiesto che Greenify abbia o i permessi di root, o anche senza ma solo con dalla versione Android 4.4 al 5.x (se volete fare a meno del root, dovete avere un vecchio Android in pratica).

Le prescription sono quindi una funzione in piena crescita, che dipende anche dal supporto ricevuto dalla comunità. Grazie ad esse è possibile ad esempio gestire i comportamenti broadcast, l’esecuzione di servizi ed il lancio di attività da parte di qualsiasi app. Per ragioni di sicurezza, al momento le ricette non vengono applicate ai comportamenti generati da Android stesso o dalle app di sistema, ma questo limite sarà rimosso in futuro, quando arriveranno dei controlli più granulari.

Oltre a questo, Greenify adotta le launcher shortcut in Android 7.1, migliora il supporto se integrato come app di sistema nelle ROM, ed infine, oltre ad un paio di fix, il wake-up monitor ora funziona in Android Nougat in modalità root.

Vi ricordiamo come sempre che per partecipare alla beta di Greenify dovete prima iscrivervi alla community ufficiale e poi aderire al test, ma potete anche scaricare direttamente l’apk da qui.