App

Dal 25 aprile Hangouts non supporterà più la maggior parte di app di terze parti

Dal 25 aprile Hangouts non supporterà più la maggior parte di app di terze parti
Andrea Centorrino
Andrea Centorrino

All'evento Google Horizon dello scorso settembre, la società di Mountain View ha svelato i propri piani per Hangouts: anziché pensionarlo dopo il rilascio di Allo, vista la maturità del codice si è preferito rivederlo in un'ottica aziendale; proprio per questo motivo, a partire dal 25 aprile la maggior parte delle app di terze parti che utilizzano le Google+ Hangouts API cesseranno di funzionare.

Vista la nuova vocazione del servizio di chat, verranno cassate tutte quelle app orientate all'utente comune, mentre app come DialPad, RingCentral, Slack, e le proprietarie Toolbox, Control Room e Cameraman continueranno a funzionare. Già da ora, gli sviluppatori non potranno richiedere l'accesso alle API per nuove app.

Se Hangouts avrà più successo in ambito enterprise, solo il tempo potrà dirlo: Allo, nonostante le mancanze, ha già riscosso un discreto successo, e difficilmente gli utenti più smanettoni, che vanno oltre WhatsApp e Telegram, avranno difficoltà ad adattarsi. C'è qualche app che si appoggia ad Hangouts di cui non potete più fare a meno? Fatecelo sapere nei commenti.

Commenta