Samsung rilascerà un aggiornamento per impedire del tutto la ricarica degli ultimi Galaxy Note 7 (aggiornato)

Marco Giannino -

Galaxy Note 7 di Samsung è oramai divenuto un oggetto da collezione, un dispositivo Android che ancora pochi utenti stanno sfruttando nonostante gli aggiornamenti rilasciati da Samsung atti ad esempio a limitarne la percentuale massima di ricarica.

A quanto pare però, vista la possibile pericolosità di questi dispositivi, Samsung ha intenzione di rilasciare un aggiornamento definitivo, che sarà notificato tramite “multiple touchpoints“, che bloccherà definitivamente i dispositivi rendendo impossibile la ricarica.

La notifica segnalerà agli utilizzato il programma realizzato da Samsung per la sostituzione o il rimborso del dispositivo. Considerate che, almeno negli Stati Uniti, sono stati restituiti il 93% dei dispositivi. L’aggiornamento sarà rilasciato a partire dal 19 dicembre.

Consumer safety remains our highest priority and we’ve had overwhelming participation in the U.S. Note7 Refund and Exchange Program so far, with more than 93 percent of all recalled Galaxy Note7 devices returned.

To further increase participation, a software update will be released starting on December 19th and will be distributed within 30 days. This software update will prevent U.S. Galaxy Note7 devices from charging and will eliminate their ability to work as mobile devices. Together with our carrier partners, we will be notifying consumers through multiple touchpoints to encourage any remaining Galaxy Note7 owners to participate in the program and to take advantage of the financial incentives available.

Anyone who has not yet returned their device should immediately power it down and contact their carrier to obtain a refund or exchange, or visit our website at Samsung.com/us/note7recall for more information.

Aggiornamento: a quanto pare l’approccio scelto in Europa è un po’ diverso. Samsung rilascerà infatti un aggiornamento, in data 15 dicembre, che ridurrà la capacità di carica di Galaxy Note 7 ad appena il 30% di quella originale. Il perché di questi due approcci diversi non è chiaro, e forse ha a che fare con qualche legge in vigore nel Vecchio Continente, ma è solo un’ipotesi.

Fonte: Droid-Life