I primi dispositivi Andromeda dovrebbero arrivare tra un anno: dev kit già in mano a due “major OEM”

Marco Giannino -

Secondo un nuovo report pubblicato da 9to5Goole, Andromeda, l’unione di Android e Chrome OS (i termini precisi del “matrimonio” non sono affatto chiari), dovrebbe arrivare tra circa un anno, ma due produttori di spicco, i cui nomi restano un mistero (Samsung e Huawei? – NdR) starebbero già lavorando sui primi dispositivi con Andromeda.

Il codice in sviluppo di Android 8.0 sarebbe già stato unito a quello di Andromeda, e non è ben chiaro infatti se il primo vedrà mai la luce o se si passerà direttamente al nuovo sistema operativo; in ogni caso, lo sviluppo di Nougat è al momento indipendente da quello di Andromeda.

Tra le funzioni peculiari di questo nuovo OS, che dovrebbe girare su smartphone, tablet, PC, notebook e altri dispositivi, ci sarebbe la sincronizzazione intellinge delle notifiche cross device. Ovvero, basandosi su informazioni quali posizione, orario e dispositivo usato, ci verranno mostrare anche le eventuali notifiche ricevute da un altro device, su quello che stiamo utilizzando in quel momento. Ma c’è di più.

Il contenuto di alcune app, come i messaggi RCS, saranno sincronizzati automaticamente su tutti i dispositivi Andromeda col medesimo account Google. Questo in pratica renderà di colpo Allo molto più utile, e potrebbe spiegare perché tante funzioni che sembravano basilari siano state escluse dal suo lancio. Con questo sistema infatti, le chat di Allo funzioneranno su tutti i vostri dispositivi, anche quelli Desktop, eliminando in un colpo solo molti dei limiti dell’app.

LEGGI ANCHE: Cos’è Andromeda, l’unione di Android e Chrome OS

Andromeda sembra insoma una versione riveduta e corretta di Android, con ancora più funzioni cloud, come del resto era nel DNA di Chrome OS fin dall’inizio. Speriamo solo che ciò che non è riuscito a quest’ultimo, riesca ad Andromeda, che potrebbe anche essere lanciato come semplicemente una nuova versione di Android, visto che quest’ultimo è ormai un brand affermato, che Google ha consolidato nel corso di tanti anni, e non è detto avrebbe troppo senso uscirsene con qualcosa di compleamente nuovo che potrebbe confondere gli utenti (ecco perché Google lo farà – NdR).

Come nota finale, riportiamo la vostra mente allo “Huawei Nexus Tablet” di cui abbiamo parlato qualche tempo fa. Sembra che il dispositivo esista e sia nelle fasi finali di test, pronto per arrivare nei prossimi mesi, come predetto a suo tempo da @evleaks. Non è però ben chiaro che tipo di dispositivo sia, né il suo eventuale legame con Andromeda, pertanto non contateci troppo, per adesso.

Fonte: 9to5Google