OnePlus 3T ufficiale: tutto ciò che volevate da OnePlus 3, spendendo poco di più (foto e video)

Nicola Ligas -

Il tanto attesto OnePlus 3T è stato finalmente annunciato dall’azienda cinese, e a dispetto di quanti rumor abbiate letto nelle scorse settimane (alcuni così fantasiosi che non li abbiamo mai riportati), non si tratta di una vera e propria rivoluzione rispetto a OnePlus 3, quanto piuttosto di un’edizione riveduta e corretta, che va a limare alcuni “spigoli” del precedente modello. Vediamo quindi subito come si presenta questo OnePlus 3T, prima di lanciarci in considerazioni ulteriori.

Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 5,5” full HD (1.080 x 1.920 pixel) Optic AMOLED con Gorilla Glass 4
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 821 a 2,3 GHz con GPU Adreno 530
  • RAM: 6 GB LPDDR4
  • Memoria interna: 64 / 128 GB UFS 2.0
  • Fotocamera posteriore: 16 megapixel Sony IMX298, con OIS ed EIS, PDAF, f/2.0 e registrazione video in 4K
  • Fotocamera frontale: 16 megapixel Samsung 3P8SP, f/2.0, video a 1080p
  • Connettività: dual nano SIM LTE Cat.6, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.2, NFC, GPS, USB 2.0 Type-C
  • Batteria: 3.400 mAh, non removibile, con Dash Charge
  • Dimensioni: 152,7 x 74,7 x 7,35 mm
  • Peso: 158 grammi
  • OS: Android 6.0.1 Marshmallow con OxygenOS

Novità e differenze tra OnePlus 3 e 3T

OnePlus 3 vs 3T
OnePlus 3 (graphite) a sinistra, OnePlus 3T (gunmetal) a destra

 

Come vedete, sia schermo che fotocamera posteriore sono rimasti gli stessi, a dispetto di tutte le voci che volevano l’abbandono del display AMOLED o l’adozione di un nuovo sensore posteriore, ed anche il quantitativo di RAM è rimasto immutato (ma davvero qualcuno pensava agli 8 GB? – NdR). Ciò non significa che non ci siano novità.

Anzitutto abbiamo una batteria più capiente del 13%, da 3.000 a 3.400 mAh, ottenuta senza intaccare peso e dimensioni, il che non è certo poco. Poi abbiamo lo Snapdragon 821 in luogo dell’820: non noterete differenze epocali, ma OnePlus ha comunque scelto la versione più performante di Snapdragon 821 (qui trovate una spiegazione più dettagliata), con clock di 2,34 GHz per la CPU e 653 MHz per la GPU, che assicurerà quindi un piccolo salto in avanti in termini di prestazioni, pur avendo consumi in linea con quelli di Snapdragon 820.

Abbiamo anche una fotocamera frontale portata a ben 16 megapixel, con un algoritmo studiato per ridurre l’aliasing anche con poca luce, ma ci sono anche importanti cambiamenti meno evidenti, come la riscrittura del filesystem, per garantire la massima velocità nei tempi di apertura delle app e sopratutto dei giochi.

A dispetto poi del fatto che la fotocamera principale sia rimasta invariata, ci sono piccole novità anche per lei. Il vetro che la protegge è ora zaffiro, e la stabilizzazione elettronica è stata migliorata, per realizzare video ancora più stabili. Inoltre anche OxygenOS ha subito un piccolo restyling, e pur rimanendo basata su Marshmallow, ha introdotto alcuni elementi grafici di Nougat, in particolare nella barra delle notifiche. Anche Shelf è stato “svecchiato”, con una grafica migliore e più funzionale, e vi ricordiamo che sia OnePlus 3T che OnePlus 3 saranno aggiornati ad Android 7 entro fine anno. Il software di OnePlus 3T è comunque lo stesso al momento in beta su OnePlus 3 e una volta che saranno “allineati”, così dovrebbero rimanere.

Perché OnePlus 3T?

OnePlus 3T Final

A questo punto potreste chiedervi: perché? Perché lanciare ora un nuovo modello che in fondo non è poi così diverso dal precedente, e che fine farà OnePlus 3? OnePlus ci ha confermato che la precedente versione è ufficialmente uscita di produzione e che questo 3T ha preso il suo posto. OnePlus 3 non sarà però abbandonato, ed anzi, proprio alla luce delle forti affinità tra OnePlus 3 e 3T, è logico che lo sviluppo software dei due modelli proceda in parallelo. Del resto Snapdragon 820 ed 821 sono praticamente lo stesso SoC, tanto che l’unica differenza hardware che possa un minimo complicare le cose è la sola fotocamera frontale, che passa tra l’altro da un sensore Sony ad uno Samsung; ma si tratta appunto di un solo dettaglio.

Circa le ragioni che abbiano spinto OnePlus a rilasciare questo modello aggiornato, potremmo discuterne a lungo. Inizialmente si pensava ad una penuria di schermi AMOLED, ma come già confermato dall’azienda, e ora dimostrato nei fatti, l’AMOLED è lì per restare (la penuria di AMOLED però è una realtà). Lo stesso vale per lo Snapdragon 820, sostituito dall’821. OnePlus sembra voler tener fede al motto never settle (“mai fermarsi”) e aggiornare il suo top di gamma ascoltando i suggerimenti portati dalla community. È questo l’unico motivo che avrebbe spinto l’azienda ad aggiornare OnePlus 3.

Perché la T di OnePlus 3T? OnePlus lascia a voi la libera interpretazione: noi optiamo per Turbo.

Uscita e Prezzo

OnePlus 3T sarà disponibile in Italia a partire 28 novembre, sullo store ufficiale, inizialmente solo nella nuova colorazione Gunmetal, ed a fine dicembre anche in quella Soft Gold (addio color graphite). La versione da 64 GB di memoria interna costerà 439€, 40 in più di OnePlus 3, mentre quella con 128 GB di memoria interna (disponibile solo nella colorazione Gunmetal e solo in quantità limitate) salirà a 479€. A seguire alcune immagini di OnePlus 3T nei due colori disponibili.

Video OnePlus 3T

Immagini OnePlus 3T Gunmetal

Immagini OnePlus 3T Soft Gold

OnePlus 3

OnePlus 3

confronta modello

Ultime dal forum: