Huawei e Leica aprono un laboratorio di ricerca insieme, cosa staranno architettando?

Vezio Ceniccola -

Prosegue a gonfie vele il rapporto di collaborazione tra Huawei e Leica. Dopo il grande successo di vendite di Huawei P9 e della sua doppia fotocamera  – vista anche sul nuovo Apple iPhone 7 e non solo – le due aziende hanno deciso di aprire insieme un laboratorio di ricerca per continuare lo sviluppo sulle funzionalità legate al mondo dell’immagine.

Si chiamerà Max Berek Innovation Lab e verrà costruito a Wetzlar, in Germania, terra naita di Leica. Come è ovvio che sia, il centro di ricerca sarà dedicato principalmente alla fotografia, ma si occuperà anche di tecnologie di realtà virtuale e realtà aumentata.

LEGGI ANCHE: Per DxOMark la fotocamera di Huawei P9 è migliorata rispetto al P8, ma inferiore alla concorrenza

Cosa dobbiamo dunque aspettarci per il futuro? Un nuovo top gamma Huawei con doppia fotocamera, ancora più innovativa? Un visore VR con tecnologie Leica? Per ora non possiamo ancora esserne certi, ma siamo contenti che le due aziende continuino a collaborare ed investire in un campo sempre più importante, come quello della fotografia. A seguire il comunicato stampa in italiano.

Il ‘Max Berek Innovation Lab’ condurrà attività di ricerca e sviluppo nei settori dei nuovi sistemi ottici, elaborazione computazionale delle immagini, realtà virtuale e realtà aumentata

Wetzlar, Germania –26 settembre 2016 – Huawei e Leica Camera AG hanno annunciato di aver ampliato la propria collaborazione strategica con l’istituzione di un centro di ricerca e innovazione gestito congiuntamente, il Max Berek Innovation Lab. Il lancio arriva sette mesi dopo l’annuncio della partnership tecnologica a lungo termine nel campo dell’ingegneria ottica, e cinque mesi dopo il lancio, a livello mondiale, dei pluripremiati ed apprezzati smartphone Huawei P9 e P9 plus.

Il nuovo laboratorio, situato nell’headquarter Leica a Wetzlar, in Germania, porterà ad un livello superiore lo sviluppo di sistemi ottici e tecnologie software-based per migliorare la qualità delle immagini in una vasta gamma di applicazioni per dispositivi fotografici e mobili. Ulteriori risultati includeranno la creazione di immagini ottenute con l’elaborazione computazionale, la realtà aumentata (AR) e soluzioni di realtà virtuale (VR). In aggiunta alle risorse di R&D di entrambe le aziende, Huawei e Leica collaboreranno con università tedesche, internazionali e istituti di ricerca.

La creazione del laboratorio è il risultato della visione e del sostegno del Dr. Andreas Kaufmann, azionista di maggioranza e presidente del comitato consultivo di Leica Camera AG, e Ren Zhengfei, CEO di HUAWEI.

Ren Zhengfei, CEO di Huawei (destra) e Dr. Andreas Kaufmann, azionista di maggioranza e presidente del comitato consultivo di Leica Camera AG (sinistra), durante la firma dell’accordo per l’istituzione del ‘Max Berek Innovation Lab’

“In futuro, oltre il 90 per cento del traffico dati sarà costituito da immagini e video”, ha detto Ren Zhengfei, CEO di HUAWEI. “Il Max Berek Innovation Lab ci consente di stabilire una partnership ancor più stretta con Leica, apportando continui miglioramenti alla qualità di immagini e video. Come risultato, trasferiremo le innovazioni più avanzate nelle fotocamere degli smartphone, offrendo una qualità ancora maggiore ai nostri utenti”.

“Con la fondazione del Max Berek Innovation Lab, Huawei e Leica Camera AG vogliono rafforzare ulteriormente la portata del proprio rapporto strategico e gettare le basi per una più stretta collaborazione nel campo della ricerca e sviluppo di tecnologie innovative per l’elaborazione delle immagini”, ha sottolineato Andreas Kaufmann, azionista di maggioranza e presidente del comitato consultivo di Leica Camera AG.

“HUAWEI e Leica condividono, non solo eccellenti capacità di innovazione e anni di esperienza nella ricerca, ma anche la volontà di offrire standard sempre più elevati. Il Max Berek Innovation Lab ci offre un’opportunità storica per unire le risorse e la vasta esperienza di entrambe le società nello sperimentare tecnologie rivoluzionarie”, ha confermato Markus Limberger, Chief Operating Officer (COO) di Leica Camera AG e Direttore del Max Berek Innovation Lab.

Il centro R&D è stato intitolato alla memoria di Max Berek (1886 – 1949), il pioniere tedesco dei microscopi e creatore delle prime lenti Leica, responsabile della progettazione ottica di oltre 20 obiettivi per la leggendaria fotocamera 35 mm inventata e costruita da Oskar Barnack. Grazie alle eccezionali prestazioni nella resa delle immagini e alla perfetta armonizzazione delle lenti, con l’ingegnosa invenzione di Barnack, Leica raggiunse il successo in tutto il mondo con il formato 35mm.

Via: TechCrunch