Samsung al lavoro su un OTA per Galaxy Note 7 che lo renda meno “instabile”

Lorenzo Delli -

Nonostante gli sforzi di Samsung per richiamare tutti i modelli di Galaxy Note 7 dotati di batteria difettosa, ci sono ancora diversi utenti in giro per il mondo che, incuranti delle varie notizie e dei tentativi di contatto da parte di Samsung, stanno continuando ad utilizzarlo, tanto che nei giorni scorsi si sono registrati altri incidenti più o meno gravi.

A quanto pare il colosso coreano è al lavoro su un aggiornamento software dedicato appunto a Galaxy Note 7 che limiti permanentemente la carica della batteria al 60% della sua capacità massima. In sostanza il dispositivo non potrà essere caricato più del 60% della capacità massima. In teoria tale espediente dovrebbe mantenere la densità energetica a livelli di sicurezza, evitando l’insorgere di eventuali cortocircuiti causa delle “esplosioni” avvenute in questi ultimi giorni.

LEGGI ANCHE: Samsung spiega perché la batteria di Galaxy Note 7 può esplodere

Al momento Samsung avrebbe annunciato l’arrivo di questo aggiornamento solo in Corea, pubblicizzandolo su un famoso giornale locale. L’azienda starebbe lavorando anche con i principali operatori locali per preparare e rilasciare il più velocemente possibile il suddetto aggiornamento, che potrebbe arrivare già da questo 20 settembre.

Ovviamente i nuovi dispositivi, quelli prodotti senza la batteria difettosa, non avranno accesso a tale aggiornamento e potranno contare sulla capacità massima della batteria a loro disposizione. Ah, e se avete letto quella cosa a riguardo della disattivazione in remoto dei Galaxy Note 7, ovviamente Samsung ha smentito, anche perché sennò non sarebbe al lavoro su un OTA come questo.

Fonte: AndroidAuthority
Samsung Galaxy Note 7

Samsung Galaxy Note 7

confronta modello

Ultime dal forum: