LG V20 ufficiale: la fusione di V10 e G5 riuscirà a convincere di più? (foto e video)

Nicola Ligas -

LG V20, il nuovo modello di punta dell’azienda coreana, è stato appena presentato, ed in base ad estetica e specifiche sembra proprio la fusione del precedente v10 e di G5, dal quale non eredita la modularità, sebbene ci sia comunque qualcosa di “estraibile”.

LG V20: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo primario: 5,7” QHD IPS Quantum Display (2560 x 1440 / 513ppi)
  • Schermo secondario: IPS Quantum Display (160 x 1040 / 513ppi)
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 820
  • RAM: 4 GB LPDDR4
  • Memoria interna: 64 GB UFS espandibile (con microSD fino a 2 TB)
  • Fotocamera posteriore: 16 megapixel f/1.8 con OIS, hybrid autofocus, angolo di 75° + 8 megapixel f/2.4 wide angle 135°
  • Fotocamera frontale: 5 megapixel f/1.9 wide angle 120°
  • Connettività:  X12 LTE (fino a 600 Mbps),Wi-Fi (802.11 a/b/g/n/ac), USB Type-C, Bluetooth 4.2 BLE, NFC, infrarosso
  • Batteria: 3.200 mAh (removibile)
  • Dimensioni: 159,7 x 78,1 x 7,6 mm
  • OS: Android 7.0 Nougat

Vi ricordiamo anche che LG V20 è dotato di quad DAC (powered by ESS Technology SABRE ES9218) e che includerà nella confezione degli auricolari B&O Play, per un audio di qualità superiore, ma questi ultimi saranno presenti solo in alcuni mercati.

Chiariamo inoltre una possibile ambiguità dovuta alle notizie circolate in precedenza: LG V20 non è modulare. Il pulsante presente sul fianco serve a rimuovere in un sol colpo la cover posteriore, consentendovi così di accedere al vano batteria ed a quello per la microSD, ma non di collegare gli LG Friends di G5, che sembrano sempre più avviati sul viale del tramonto (anche se LG afferma che torneranno con G6).

Riguardo i materiali, che al lancio di G5 suscitarono un po’ di polemiche, LG chiarisce di aver impiegato alluminio (AL6013) per la cover posteriore, assieme ad un nuovo materiale “silicon-based”, per la parte superiore ed inferiore del telefono, che riduce lo shock in caso di cadute del 20%. Per questo motivo, LG V20 ha superato i drop test secondo lo standard MIL-STD 810G, ovvero è in grado di funzionare se lasciato cadere da circa 1,2 metri, in qualsiasi posizione atterri, inclusi retro e davanti.

Niente modularità ma tanta multimedialità saranno la chiave del successo?

LG V20 è invece uno smartphone che fa della multimedialità il suo cardine. Oltre allo stabilizzatore ottico, LG ha introdotto Steady Record 2.0, in collaborazione con Qualcomm, ovvero uno stabilizzatore elettronico (EIS) basato sul giroscopio, ed arricchito anche dalla stabilizzazione digitale (DIS), che migliora ulteriormente la qualità dei video in post-elaborazione aggiustando gli oggetti tra i vari frame e minimizzando le distorsioni.

Anche l’audio nei video è di qualità superiore, ed LG V20 ha delle opzioni per tagliare le basse frequenze (Low Cut Filter – LCF) e rimuovere i rumori in background, oltre ad un limitatore (LMT) che fissa la distanza di registrazione. L’audio è inoltre registrato a 24-bit / 48 kHz con Linear Pulse Code Modulation (LPCM).

LEGGI ANCHE: LG V20 ha la ricerca In App di Google

Avrete inoltre già notato altre particolarità, come il secondo schermo frontale, per accedere a notifiche ed altre funzioni (torcia, memo, ecc.) anche con lo schermo primario spento. Doppie sono anche le fotocamere posteriori, delle quali una ha un angolo di ripresa di 135°, ed anche quella frontale è stata allargata fino a riprendere 120°, per selfie di gruppo semplici e veloci, grazie anche alla funzione auto shot, che scatta quando il soggetto inquadrato sorride.

Due schermi, tre fotocamere e maniacale attenzione all’audio: uno smartphone da veri vlogger!

L’autofocus ibrido della camera principale è inoltre composto da tre meccanismi: laser detection AF, phase detection AF e Contrast AF, tutti disponibili sia per foto che video. LG V20 capisce automaticamente se usare LDAF o PDAF per la scena inquadrata, ed in ogni caso rifinisce la messa a fuoco con il contrast AF, che rileva le aree a forte contrasto nell’immagine, per meglio identificare il soggetto desiderato.

Lato software, abbiamo la LG UX 5.0+, ovvero la versione aggiornata dell’interfaccia lanciata con LG G5, e che ora è basata su Android 7.0 Nougat. Per averne un assaggio, vi consigliamo di guardare il video qui sotto, dove si può apprezzare l’ottimo lavoro di “pulizia” fatto da LG, che sembra aver realizzato un’interfaccia più affine alla stock rispetto al passato, senza tralasciare temi, fitness, cura del dispositivo e filtro luce blu, ormai quasi un must-have.

LG V20: Uscita e Prezzo

LG V20 sarà disponibile nei colori titan, silver e pink, ed i clienti coreani potranno acquistarlo già da questo mese. Non c’è ancora una data di uscita per l’Italia, ma in base ad informazioni precedenti pensiamo di dover aspettare ad ottobre inoltrato se non novembre; in pratica i Google Pixel potrebbero fare prima, ma questo è un altro discorso.

Aggiornamento 8 settembre

Al momento LG non sa se effettivamente lancerà LG V20 anche in Europa. A confermarlo è la stessa divisione italiana di LG più altre fonti, una coreana e una belga. Tutti i dettagli in questo articolo.

Video

Foto

Fonte: LG