Con l’ultima versione di Drupe, potrete registrare le chiamate senza bisogno del root

Andrea Centorrino

Abbiamo parlato spesso sulle nostre pagine di Drupe, un dialer ricco di funzionalità, alle quali oggi se ne aggiunge una importante: la possibilità di registrare le chiamate.

A differenza di molte app presenti sul Play Store, la nuova versione di Drupe permette di registrare senza bisogno dei permessi di root sia il chiamante che l’interlocutore: l’unico neo, il volume di quest’ultimo potrebbe risultare un po’ (molto) basso; per ovviare a questo inconveniente, sarà possibile far partire automaticamente le telefonate in vivavoce.

Una volta registrata la telefonata, troverete il file audio AMR fra le impostazioni di Drupe (Chiamate->Registratore chiamata->Current recorded calls). Inoltre, sarà possibile impostare alcuni numeri per i quali si vorrà fare partire automaticamente la registrazione.

LEGGI ANCHE: Drupe: la nostra prova

La legge italiana non pone limiti alle registrazioni personali: una registrazione digitale non fa altro che “fissare” quanto già captato dal nostro udito (Cassazione, sentenza n.° 7239 del 1999). Solo, attenti a non diffondere le registrazioni: il vostro interlocutore potrebbe non prenderla bene.

Google Play Badge

Via: The Next Web