Early Access si apre a tutti, ma l’ultima parola spetta sempre a Google

Andrea Centorrino

Dal lancio della versione pilota a giugno, i download delle app del programma Early Access di Google sono arrivati a quota un milione: è giunto quindi il momento di estenderlo non soltanto ai partner selezionati, ma a tutti gli sviluppatori che volessero un campione di utenti più ampio.

Grazie a Early Access, gli sviluppatori non dovranno più chiedere a parenti o amici di provare la propria app per ricevere un feedback, magari non sincero a causa del rapporto fra i due, ma potranno fare affidamento a utenti di qualunque genere e tipo, con la voglia di provare un’app in anteprima e fornire consigli e segnalare bug.

LEGGI ANCHE: I Nexus di HTC si chiameranno Pixel e Pixel XL: in arrivo il 4 ottobre

L’apertura del programma non significa che tutti potranno prendervi parte: bisognerà compilare un form, ed aspettare parere positivo da parte di Mountain View. Per quanti invece volessero provare le app in beta, ricordiamo che è possibile prendere parte al programma semplicemente selezionando “Accesso in anteprima” dal Play Store.

Via: Engadget